L’imperativo della transizione energetica investe il segmento interurbano e apre a sfide e interrogativi. Il gas inizia a fare il nido nel Classe II: TUA Abruzzo è protagonista di un piano strategico 2022-2024 che prevede l’arrivo, nell’immediato, di 100 ulteriori mezzi a metano, combustibile che alimenterà un terzo della flotta entro due anni. Sul lungo termine, e guardando al suburbano, l’azienda punta anche all’idrogeno.

La scelta di TUA non è un caso isolato. Consip ha da poco aggiudicato una gara da oltre mille bus a gas. In Emilia-Romagna ci sono 300 con le bombole in arrivo. Cotral ne ha messi a gara altrettanti, una prima assoluta per l’azienda laziale. Insomma: se il gas guadagna spazio, incertezze di ordine geopolitico ed infrastrutturale non consentono di dare il dibattito per concluso. Tant’è che i piani a lungo termine in molti casi chiamano in gioco le fuel cell.

L’unico elemento certo è la mole di risorse a disposizione, non solo da Pnrr: ci sono in palio fino a 4,5 miliardi di euro da qui al 2023 per Classe II a emissioni zero, fino a 3,2 miliardi per mezzi a gas. Denaro che può essere investito in maniera proficua solo nell’ambito di strategie di rinnovo ben strutturate e tecnologicamente fondate.

IL PROGRAMMA

Apertura

  • Gabriele De Angelis, Presidente TUA Abruzzo
  • Maxmilian Di Pasquale, direttore generale TUA Abruzzo

Tavola rotonda

  • Paolo Sportiello, Direttore tecnico TUA Abruzzo
  • Marco Galletti, Responsabile ingegneria di manutenzione automobilistica Tper
  • Luca Cordiviola, R&D Director, Industria Italiana Autobus
  • Riccardo Cornetto, Direttore After Sales Solaris Italia
  • Giovanni Tosi, Public Procurements & Product Bus Manager MAN Truck & Bus Italia
  • Tiziano Dotti, Italy Public Sales Manager Iveco Bus
  • Roberto Caldini, Direttore Buses & Coaches Italscania
  • Mariaelena Rinaldi, Director Mobility, Voith
  • Giuseppe Ferraro, Direttore generale , Cotral
  • Silvia Cantelmi, Sales & Business Development Mercato Nazionale Almaviva

In primo piano

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati