Karsan si aggiudica una gara in Italia, e più precisamente in Sardegna. Il responso del lotto da 29 corti da 8 metri per Arst è arrivato nei giorni scorsi e ha arriso al gruppo turco, partner di IIA (Industria Italiana Autobus). A rappresentare Karsan in Italia è ora la Troiani di Terni che già distributrice il marchio Temsa. Karsan si è presa la sua fetta in un ampio tender da 101 autobus per 22 milioni e 833mila euro, che mira a svecchiare la flotta di Arst e di altri ventuno aziende dell’isola grazie a risorse ministeriali.

 

A Karsan i corti interurbani

Karsan, nello specifico, hafatto suo il primo lotto di un tender che complessivamente contava al suo interno 101 veicoli. Quelli andati al costruttore turco sono i Classe II tra 7,3 e 8,8 metri, interurbani corti con pianale ribassato e bagagliera, un lotto con un valore di partenza di 4.367.400 euro. La gara comprende in tutto sette lotti per 101 autobus: oltre ai 29 interurbani corti andati a Karsan figurano 28 Classe II da 10,5 metri, 33 da 12 metri e 7 articolati da 18 metri. Non mancano gli urbani: un corto da 8 metri, uno da 8,5 e due da 10,5. La gara prevede contratto di manutenzione full service per cinque anni. Quella sarda è insomma la gara del battesimo italiano di Karsan, distribuito alle nostre latitudini fino a metà 2017 da Iia e ora entrato nel portfolio di Troiani, insieme al connazionale Temsa.

Le flotte sarde si svecchiano con Karsan

Arst, nella gara in questione, figura come capofila di un’associazione temporanea di imprese che beneficeranno dei mezzi. I nuovi veicoli devono essere dotati di strumenti per la validazione elettronica dei biglietti, dispositivi per il rilevamento gps della posizione durante la corsa, sistemi motorizzati per la sistemazione a bordo delle sedie a rotelle e per la loro trattenuta e apparecchiatura per conteggio dei passeggeri in salita e in discesa. Secondo quanto afferma Sardegna Oggi, le aziende beneficiarie del fondo ministeriale appositamente costituito per la fornitura di autobus dovranno cofinanziare l’acquisto con il 10 per cento di risorse proprie pari a 2.299.242 euro complessivi. Compresa Arst, sono 22 le altre imprese che disporranno dei nuovi mezzi.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Un po’ funivia, un po’ bus: viaggio alla scoperta di ConnX

Ha superato con successo l’articolata fase di test e tra un anno sarà definitivamente pronto per fare il suo ingresso nel mercato. L’annuncio è stato dato nei giorni scorsi a Vancouver sul palcoscenico più importante del settore, il congresso mondiale dei trasporti a fune: ConnX, la rivoluzione ecol...