I primi dieci sono arrivati, i secondi sei arriveranno nei prossimi mesi: c’è il timbro di Iveco Orecchia sulla commessa di sedici Crossway Low Entry per il gruppo FNMA (Ferrovie Nord Milano Autoservizi), che metterà in servizio i Classe II sulle linee del ramo di Brescia, andando così a dismettere autobus vecchi di vent’anni a favore, appunto, di mezzi con la classe di omologazione più recente ed efficiente disponibile sul mercato.

Il Crossway è una delle punte di diamante della gamma e non a caso Iveco è leader europeo nel segmento interurbano. A conferma, l’ennesima, della bontà di un prodotto che ha fatto breccia nel cuore del mercato del Vecchio Continente.

Iveco Orecchia Crossway FNMA
In compagnia di alcuni operatori d’esercizio, l’Ing. Nicoletti, responsabile tecnico, Luca Putelli e Guido Bonardi, agenti del movimento.

I Classe II che rafforzeranno la flotta di FNMA sono dei dodici metri (12.050 millimetri, per essere precisi) Low Entry, come motorizzazione Tector 7 e cambio Zf, perfettamente rispondenti alla normativa Euro VI step E per ridurre al minimo le emissioni di sostanze inquinanti e dannose per l’ambiente.

Diamo qualche altro numero. Se 12.050 sono i millimetri di lunghezza, i canonici 2.550 sono quelli di larghezza, mentre l’altezza può variare a seconda della presenza o meno del motore dell’aria condizionata: 3.140 o 3.230. Il passo? 6.030 mm. Sbalzo anteriore e posteriore? 2.720 e 3.295 mm. Quarantacinque i posti a sedere disponibili.

cockpit iveco orecchia crossway fnma

I veicoli, nella tradizionale livrea azzurro cielo con fascia verde anteriore, sono dotati di tutte le tecnologie d’avanguardia, come le telecamere interne per la videosorveglianza a bordo, il conta-passeggeri, l’impianto antincendio per il motore e, lato cockpit, la paretina a tutta altezza per separare l’autista e un cruscotto che risponde allo standard VDV tedesco. Ma non solo: a bordo sono state previste anche alcune prese usb per i passeggeri, sedili Lineo Fix, rivestimento con panelli laminati e un pavimento trattato per renderlo antiscivolo.

postazione disabile Crossway

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Amtab sotto inchiesta: indagini su bilancio e assunzioni

L’indagine “Codice Interno” condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari ha aperto il vaso di Pandora della città, scoprendo intrecci su mafia e politica e su come la criminalità organizzata allungato la propria longa manus anche in Amtab, Azienda Mobilità e Trasporti Autofiloviari di Bar...