I soli autobus che circoleranno all’interno del sito di Expo 2015 saranno targati Iveco bus. Nel particolare sette modelli Urbanway a gas e i Daily Euro VI. Gli Urbanway sono caratterizzati da un design innovativo e da interni particolarmente curati con sedili (Ruspa) multicolore, piano di calpestio in simil parquet e inserti sotto la linea di cintura caratteristici degli autobus destinati al mercato francese (Paese molto esigenze sul tema design). Luci bianche e blu sul cielo interno, monitor anteriore per le informazioni al passeggero e un posto guida rivisto sono solo alcuni  elementi dei tre porte Iveco che non passeranno inosservati.

A facilitare l’accesso al sito Expo 2015 sarà Arriva Italia, holding italiana del gruppo Arriva Deutsche Bahn, che si è aggiudicata la gara indetta per la gestione della people mobility di Expo Milano 2015. Per l’occasione il gruppo Arriva opererà tramite raggruppamento temporaneo delle sue imprese distribuite sul territorio lombardo (Arriva Italia S.r.l., SIA – Società Italiana Autoservizi S.p.A., SAIA Trasporti S.p.A., SAL Servizi Automobilistici Lecchesi s.r.l. e S.A.B. Autoservizi S.r.l.) e si occuperà della gestione dei parcheggi e dei servizi di navetta tra le aree di sosta e il sito espositivo. Sotto il controllo della società oltre 12mila posti complessivi tra autobus, camper, moto, auto e minibus distribuiti nei tre dei cinque parcheggi limitrofi all’area espositiva dedicati alla manifestazione. Il parcheggio Merlata e il parcheggio Arese saranno gestiti direttamente da Arriva, mentre dal parcheggio di Trenno e dal parcheggio di Rho Fiera saranno disponibili delle navette gratuite da e verso il sito espositivo. Per accedere al parcheggio Merlata sarà necessario prenotare on-line il proprio posto auto: ciò permetterà automaticamente la registrazione e l’autorizzazione all’accesso alle corsie riservate e monitorate dal Comune di Milano. Qui i posti riservati alle autovetture sono circa 220, a cui si aggiungono 30 posti auto dedicati alle persone con disabilità motoria, 45 stalli per motoveicoli e ciclomotori e 560 posti riservati agli autobus GT. Per i bus non è necessaria la prenotazione, ma resta l’obbligo di registrare la targa nel caso in cui non fosse stato fatto un acquisto dal sito di Arriva Italia. Il parcheggio di Arese, a circa 10 km dall’area espositiva di Expo, si sviluppa su un’area di quasi 32mila metri quadri e garantisce circa 11mila posti per automobili, motoveicoli, ciclomotori e camper. Per quanto riguarda i servizi navetta, Arriva non solo si occuperà degli spostamenti dei visitatori dai parcheggi, ma anche di quelli all’interno dell’area espositiva (con mezzi alimentati a metano). Servizi speciali saranno riservati ai visitatori diversamente abili, in aggiunta a servizi per personalità ed Expo Coach per gruppi. Oltre alla gestione dei parcheggi e dei servizi di navetta, Arriva garantirà l’accesso al sito di Expo anche attraverso le sue diverse aziende sparse per il territorio nazionale con i servizi di trasporto dalle principali città gestite da Arriva, unitamente ai servizi ferroviari della capogruppo dalla Germania e dall’Austria. Nell’accordo rientrano infine i servizi di prenotazione e ticketing, monitoraggio dei parcheggi online, servizi di infomobilità, gestione del call-center, biglietteria e assistenza presso i parcheggi in gestione e di tutte le attività di marketing e di comunicazione per promuovere l’evento in tutti i paesi in cui è presente Arriva o dove opera il gruppo. In tutte le strutture il costo giornaliero per autobus e minibus è di € 48,80, mentre per gli altri mezzi il costo di ingresso ai parcheggi è di €12,20. Per prenotare il proprio posto auto visitare il sito www.parkingExpo.it oppure il sito www.arriva.it.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Viaggia chiuso dentro la bagagliera del pullman…per errore!

Un ragazzo ha viaggiato per mezz’ora chiuso dentro la bagagliera del pullman. E, no, non per evitare di pagare il biglietto. Protagonista della disavventura un ventenne che è rimasto chiuso dentro per errore nel portabagagli di un autobus sostitutivo, dove era entrano per alloggiare il monopat...