Se quella sgroppata con la livrea Arst, nel 2008, ha relegato l’allora  neo-sostituto dell’Intercentury a fanalino di coda, complice la zavorratura ‘frivola’ (penalizzata ex post a tavolino), con la più convincente  prestazione in esame l’i4 si è ampiamente riscattato. Macinando 3,8 chilometri con un litro di gasolio lascia alle spalle quella prova, sorpassa il Safari e tiene testa al Lion’s Regio. Pur lontano dalla diade super-performante al vertice (Omniexpress e S 415H) la cavalleria del 12 metri si è fatta comunque apprezzare, soprattutto nel tratto interurbano, dove ha viaggiato poco distante i 4 chilometri, a una velocità di crociera che ricalca grossomodo quella del 2008. Buono il ‘tiro’ del Dc9, coadiuvato dal Comfort shift a sette marce.

Omogeneizzazione o family feeling, stiamo parlando della stessa cosa: l’i4 si mette in scia all’i6 e si svincola dal complesso ancillare dei linea. L’impronta è più spartana di altri, che nascondono però un’anima kombi, essendo turistici in prestito, come il Jetliner, o ‘double earner’ come il Setra. Il vellutino ignifugo dei 51 sedili Inaza conserva l’imprinting Classe 2 (anche se questa versione è extra, reclinabile, con portariviste e bracciolo con pulsante per lo sblocco) e le bocchette sono integrate nella fascia in tinta, insieme alle luci di cortesia.

È ormai rodato il 9,3 litri Scania, il dispari targato Euro5/Eev. La formula è nota e promuove la turbina a geometria variabile e il common rail da 2.400 bar che in Svezia hanno disegnato a quattro mani con Cummins. Lavoro su omogeneizzazione della combustione, pressione e punto di fiamma che ha permesso di eludere voce di spesa e serbatoio aggiuntivo relativi all’urea tecnica. Basta il ricircolo, che smagrisce la miscela e rischia di penalizzare i consumi, anche se dipende dalle applicazioni. I 3,8 chilometri/litro sono un dato soddisfacente, ma con 14mila euro si può avere l’automatico Zf, per risparmiare qualche litro al rabbocco

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Setra S 515 HD ComfortClass: il test drive

Riflettori accesi sul Setra ComfortClass S 515 Hd, protagonista (insieme al TopClass S 516 Hdh) di una presentazione stampa a novembre in quel di Lisbona.Brand e sicurezza attiva. Un tocco – piccolo – all’estetica, e una consistente spinta al software. Su questi due pilastri si gioca il ...

Irizar i4, quando il gas liquido mette il basco

Ora l’Interlink a gas naturale liquefatto è meno solo. Sulla scorta della rodata partnership tra il Grifone e il gruppo Irizar, il Classe II alimentato ad Lng rappresenta il salto in avanti dei baschi in un mercato, quello delle trazioni alternative, che finora hanno esplorato solo in salsa elettric...