Una batteria per veicoli pesanti, truck e bus, con dimensioni massime di 1400 mm x 1000 mm x 400 mm e un peso massimo di 500 kg, ogni undici minuti. L’azienda polacca Impact Clean Power Technology (Gruppo Grenevia), ha svelato il render di quella che sarà la sua GigafactoryX, una fabbrica di batterie su larga scala per veicoli elettrici e accumulo di energia, che sarà avviata nella città di Pruszków, vicino a Varsavia.

L’area di produzione di GigafactoryX sarà di 16.300 m². La fabbrica comprenderà, tra l’altro, un impianto di collaudo delle batterie e un centro di ricerca e sviluppo. Le batterie saranno prodotte per vari tipi di veicoli elettrici, compresi quelli destinati al trasporto pubblico, come gli e-bus, gli e-truck e il settore ferroviario. L’impianto produrrà anche sistemi di accumulo di energia progettati per l’industria elettrica commerciale, anche per l’accumulo di elettricità su larga scala. I sistemi di batterie saranno basati su celle agli ioni di litio nelle tecnologie: LTO, LFP e NMC.

Il moderno impianto sarà uno dei più grandi del suo genere in Europa. La sua costruzione aumenterà la capacità produttiva di Impact a 1,2 GWh nel 2024 e a più di 4 GWh all’anno nel 2027. È previsto anche un impianto di accumulo di energia per circa 1 MWh, che lavorerà insieme all’impianto fotovoltaico e alla rete elettrica.

Impact Clean Power Technology spiega il progetto della GigafactoryX

“Il progetto GigafactoryX è un altro grande passo nello sviluppo della tecnologia Impact Clean Power. La prima fase dell’investimento ci permetterà di aumentare la capacità produttiva a 1,2 GWh all’anno già dal prossimo anno, grazie alla quale garantiremo la sicurezza della fornitura di sistemi di batterie per i principali marchi globali, che sono nostri partner. Infine, nel 2027, la produzione raggiungerà i 4 GWh all’anno. La creazione di GigafactoryX significa che la Polonia sarà il principale fornitore europeo di batterie per l’industria della mobilità elettrica, tutte basate su soluzioni polacche”, commenta Bartek Kras, CEO di Impact. “Inoltre, per noi è estremamente importante che il nuovo impianto sia stato progettato secondo i principi dello sviluppo sostenibile”, aggiunge.

L’azienda teamtechnik Production Technology Poland è responsabile della fornitura e dell’installazione della linea di produzione delle batterie per il trasporto pubblico presso la GigafactoryX.

La linea di prima fase ha dimensioni di 58 metri per 19 ed è quindi la più grande realizzazione di progetto nella storia di teamtechnik Polonia per i sistemi di batterie. Quattordici ingegneri hanno lavorato ininterrottamente per quattro mesi alla sua progettazione meccanica, elettrica e di automazione. La flessibilità della linea è influenzata dall’uso di un ciclo di produzione, che consente di ottimizzare la produzione a seconda del tipo di prodotto. Di conseguenza, garantisce all’investitore un risparmio in termini di spazio e di costi. La sicurezza dei dipendenti che operano sulla linea è garantita dalle termo-camere; quando viene rilevata una temperatura elevata del modulo, viene attivata la procedura di evacuazione del prodotto.

La soluzione teamtechnik è anche un elemento chiave per aumentare l’efficienza produttiva di Impact. Nel 2024, la linea consentirà la produzione di 16.000 unità di sistemi di batterie, rispetto all’attuale capacità di circa 2.500 unità. Garantisce inoltre una qualità riproducibile del prodotto, in quanto prevede la completa automazione di processi quali l’assemblaggio robotizzato dei singoli componenti, il dosaggio, l’avvitamento, l’ispezione visiva e una serie di test. Per la prima volta al mondo verrà utilizzato il sistema di trasporto TS7 di Bosch Rexroth. L’inizio dei lavori di assemblaggio è previsto per luglio 2023.

“Grazie all’elevata automazione dei processi, stiamo aumentando non solo l’efficienza della produzione, ma anche la qualità delle batterie prodotte. L’effetto delle tecnologie utilizzate sarà un ciclo di assemblaggio rapido di una singola batteria, che sarà di soli 11 minuti. Questo aspetto è di grande importanza in considerazione della crescente popolarità della mobilità elettrica e delle previsioni di aumento della domanda di sistemi di batterie in Europa”, commenta Bartek Kras. “La nostra collaborazione con teamtechnik è un esempio di cooperazione e di sinergia tra aziende che fanno parte di TDJ. La combinazione delle nostre competenze e del nostro potenziale di sviluppo all’interno di un unico gruppo ci permette di ottenere significativi vantaggi di mercato. Il sostegno di TDJ e Grenevia è un importante supporto per lo sviluppo e la scalabilità del business”, conclude.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Un Grifone in volo da cinquant’anni: Scania Italia, auguri!

Altri cinquanta di questi giorni: Scania Italia spegne cinquanta candeline. L’immatricolazione dei veicoli industriali del marchio Scania in Italia inizia nel 1974. Da allora, tecnologie, strutture e persone hanno contribuito ad affermare il Grifone, riconosciuto come simbolo di soluzioni all’avangu...

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...