Buone notizie dalla filovia di Sanremo. A breve i filobus torneranno in linea, grazie all’intervento di adeguamento alla nuova rotonda del quartiere Foce. La rotonda è sicuramente un intervento importante per il quartiere, da sempre nella morsa del traffico.

Oltre allo snellimento della viabilità, con l’eliminazione dell’incrocio, la zona è stata oggetto  di lavori di riqualificazione urbana. Lavori che hanno visto la demolizione della stazione di servizio risalente agli anni 40, e la sistemazione delle aree verdi.

In un clima di incertezza per il futuro della filovia, non fu adeguato il bifilare al nuovo percorso della rotonda. I filobus erano costretti a percorrere in marcia autonoma il tratto dalla Foce al capolinea di Villa Helios. La rottura di un cavo in prossimità della sottostazione della Foce (e per combinazione nei pressi della rotonda) costrinse alla disalimentazione della rete. Inoltre, anche all’esercizio in trazione termica della linea di intensificazione urbana di Sanremo  e della linea Sanremo Ventimiglia.

filobus sanremo

Sanremo, il rilancio della filovia

In molti si chiesero come mai, a differenza delle reti filoviarie di Genova e di La Spezia, a Sanremo non fosse previsto alcun programma di rilancio della filovia. In realtà, anche a Sanremo si sta predisponendo un programma per il rilancio per l’intera rete. Riqualificazione degli impianti fissi (dal bifilare ai pali e alle sottostazioni, oltre che il nuovo deposito) e nuovi filobus (si parla di ben 24 vetture dotate di tecnologia IMC). Nel frattempo, rimessi in ordine di marcia parte dei filobus Breda degli anni 90 ed è in programma la riparazione dei due filobus Trollino del 2007, fermi da qualche anno.

I lavori alla rotonda verranno svolti in tre notti e comportano la messa in opera, per la prima volta sulla rete sanremese, della sospensione elastica fornita da Kummler e Matter. Il comportamento della sospensione sarà un importante banco di prova in vista della futura ristrutturazione degli impianti.

Il progetto di riqualificazione che sarà presentato al Ministero è in attualmente in fase di sviluppo a cura  degli  esperti dell’Università di Genova, e consentirà di disporre della modalità di trasporto esclusivamente a trazione elettrica per i 29 km di linea da Taggia a Ventimiglia.

I lavori di sistemazione sono già terminati. La linea è stata provata lunedi scorso con esito positivo, e nel giro di pochi giorni il filobus avrà via libera.

di Stefano Alfano

In primo piano

Articoli correlati

I nuovi filobus di Bratislava sono firmati Skoda

Bratislava è pronta a modernizzare la sua flotta di filobus. Per farlo, ha incaricato Skoda Transportation Group, che ha vinto due gare d’appalto per la fornitura di 23 filobus bi-articolati e 16 filobus a tre vetture con alta capacità di passeggeri. Il valore dei due ordini è di oltre 29 mili...

Filobus a Verona, una risorsa per il futuro

Il filobus a Verona è alla seconda generazione. Per quarantaquattro anni del secolo scorso, infatti, dal 1937 al 1981, la città veneta, di 257.500 abitanti, patrimonio Unesco, ha beneficiato di una vasta rete filoviaria, con copertura del territorio urbano e di alcuni centri limitrofi. La prima line...