Referendum Atac: un classico pasticcio all’italiana. Il Tar ha dato ragione ai promotori della consultazione pubblica sulla messa a gara del servizio di trasporto pubblico capitolino. Il quorum, infatti, causa della bocciatura del referendum, non era valido.

Referendum Atac, si è espresso il 16 per cento dei romani

Il referendum su Atac si era tenuto nel novembre 2018. Vi avevano partecipato il 16 per cento dei cittadini, praticamente la metà del quorum del 33 per cento  previsto dallo statuto del comune. Naturalmente il ‘sì’ alla liberalizzazione aveva stravinto.

Il comitato Mobilitiamo Roma ha festeggiato nel tardo pomeriggio di martedì 3 dicembre con un post su facebook: «Abbiamo vinto! Il Tar ha stabilito che per il referendum Atac non era valido il quorum».

https://www.autobusweb.com/referendum-atac-se-fossi-un-romano-voterei-convintamente-si/

La giunta: «Referendum solo consultivo»

L’amministrazione romana ha minimizzato, precisando come il referendum fosse solamente consultivo e non avrebbe, anche se vinto, prodotto conseguenze automatiche.

In primo piano

Articoli correlati

“Era il sogno di mio padre: sono diventa autista per lui”

Una bella storia quella di Michela Moglia, 56 anni, che dopo aver perso il proprio posto di lavoro si è rimboccata le maniche e con una bella dose di coraggio si è rimessa in gioco, iscrivendosi all’Academy per autisti di SETA. La donna ha frequentato il corso fino alla fine, superando tutti i...

Gianpiero Strisciuglio, AD di RFI, è il nuovo Presidente di Agens

Cambio ai vertici di Agens: Gianpiero Strisciuglio, già AD e DG di RFI, società capofila del Polo Infrastrutture del Gruppo FS, è il nuovo Presidente dell’associazione del trasporto pubblico di Confindustria alla quale aderiscono, oltre al Gruppo Ferrovie dello Stato, le principali aziende del...
Tpl