Solaris ha lanciato il suo primo autobus elettrico omologabile in Classe II. L’Urbino 15 Low Entry Electric, lanciato oggi durante un evento online, si basa su una piattaforma progettata solo per la tecnologia elettrica. Può essere utilizzato sia in percorsi urbani che interurbani.

Il veicolo sarà testato in esercizio regolare per la prima metà del 2021. L’Urbino 15 LE elettrico è già nell’offerta del produttore. “Siamo pronti per la produzione del nuovo modello e per la vendita in qualsiasi momento. Stiamo già presentando le prime offerte per questo modello nelle gare d’appalto”, sottolinea Solaris. Il primo veicolo sarà presto operativo in Norvegia, ha affermato Petros Spinaris, Deputy CEO di Solaris Bus & Coach.

Fino a 65 sedute sull’autobus elettrico Classe II

Urbino 15 LE Electric (omologabile anche in Classe I), il primo nella storia di Solaris realizzato avendo in mente solo la trazione elettrica a batteria, può essere dotato di due o tre porte. Può ospitare fino a 65 posti a sedere con servizi come caricabatterie USB, lampade da lettura o braccioli. Un massimo di 105 passeggeri possono trovare posto a bordo.

Il Solaris Urbino 15 Low Entry Electric è dotato di batterie Solaris High Energy+ (lanciate al Busworld 2019 e prodotte da BMZ per Solaris), con una capacità totale di 470 kWh. Sei gruppi di batterie trovano il loro posto sull’autobus (tetto e posteriore). Il bus può essere equipaggiato anche, opzionalmente, con sistema a pantografo. La potenza di ricarica sarà fino a 260 kW con tecnologia plug-in e fino a 540 kW con pantografo.

Solaris, Urbino 15 LE Electric

Molto interessante è anche il fatto che l’e-bus di 15 metri di Solaris ospiterà, per la prima volta, il motore elettrico centrale CeTrax di ZF, che eroga 300 kW. La driveline è spostata sul secondo asse (centrale) del veicolo.

Al posto degli specchi retrovisori, l’autobus è dotato di telecamere posteriori. Sul veicolo è montato un sistema di rilevamento dei punti ciechi.

Javier Calleja, CEO di Solaris Bus & Coach S.A., ha commentato durante la premiere: “Il mondo sta cambiando. Sempre più città stanno rilasciando politiche legate al clima. In qualsiasi scenario si possa considerare il futuro della mobilità, il trasporto pubblico rimarrà un pilastro fondamentale. E questa è una grande sfida per l’industria degli autobus. Noi di Solaris ci concentriamo sul trasporto elettrico e continueremo a farlo. La nostra gamma di e-bus è la più ampia sul mercato. Oggi abbiamo un range che va da 9 a 24 metri”.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Un po’ funivia, un po’ bus: viaggio alla scoperta di ConnX

Ha superato con successo l’articolata fase di test e tra un anno sarà definitivamente pronto per fare il suo ingresso nel mercato. L’annuncio è stato dato nei giorni scorsi a Vancouver sul palcoscenico più importante del settore, il congresso mondiale dei trasporti a fune: ConnX, la rivoluzione ecol...