1468917156_mercedes-benz-future-busNel 2019 le prime vetture a guida autonoma saranno su mercato: il futuro della mobilità sarà fatto di mezzi connessi alla rete, semafori in grado di dialogare con gli utenti, autostrade dotate di wi-fi. L’Europa si sta organizzando per non farsi trovare impreparata. Ieri la Commissione europea ha varato la European strategy on cooperative intelligent transport system. Ovvero, le linee guida su cui muoversi per tenere il passo del cambiamento. Ci sono solo due anni: nel 2019 scatterà l’ora X, quando le prime auto a guida autonoma, secondo le previsioni, sbarcheranno sul mercato. Anche il mondo dell’autobus sta andando in questa direzione: basti pensare al Mercedese Future Bus, presentato quest’anno all’Iaa (nella foto in alto).

La prima priorità dell’Europa è quella di procedere a passi da gigante sulla digitalizzazione, adeguando le infrastrutture a un’ottica di mobilità smart. Sarà necessario anche costruire un quadro normativo entro cui inserire la novità dei mezzi a guida autonoma. L’Unione europea prospetta un investimento da 3 miliardi di euro. Le ricadute positive, secondo la slovena Violeta Bulc, a capo della Direzione generale per i trasporti della Commissione europea, saranno specialmente in termini di riduzione degli incidenti, con conseguente aumento della sicurezza.

 

 

 

 

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Optibus apre una nuova sede a Roma

Optibus ha annunciato oggi l’apertura di una nuova sede nell’Europa meridionale a Roma, in Italia. Piattaforma di intelligenza artificiale cloud-native nata a Tel Aviv nel 2014 – e ora utilizzata in oltre mille città in Europa, America (del Sud e del Nord, dove ha appena acquisito Trilli...
Smart