Tper porta a 86 il numero degli autobus ibridi in servizio. Merito dell’ingresso in servizio di 19 Mercedes Citaro Hybrid, presentati questa mattina in piazza Maggiore. Due linee dell’area metropolitana bolognese, la 90 e la 96, saranno completamente “ibride”. Tper, con 86 bus alimentati con questa ecosostenibile modalità di trazione, ha oggi la flotta ibrida più numerosa d’Italia. Il Citaro Hybrid si sta affermando in maniera incisiva nella penisola: 30 mezzi sono stati presentati nei giorni scorsi a Firenze.

CLICCA QUI PER LE CARATTERISTICHE DEL CITARO HYBRID

L’ibrido leggero fa il nido nella flotta Tper

Il Citaro Hybrid è un mezzo presentato due anni fa. Di fatto, si tratta di un Citaro canonico al quale è aggiunto un “pacchetto di ibridazione” composto da modulo elettrico da 14 kW e supercaps per l’accumulo dell’energia durante la frenata. Il modulo elettrico interviene nei momenti di maggiore sforzo dell’endotermico, efficientando il comportamento del motore diesel. Il risparmio in termini di consumi è nell’ordine dell’8,5 per cento. I Citaro Hybrid di Tper sono dotati di due porte e hanno una capacità di carico di 111 posti complessivi, di cui 84 in piedi, 26 seduti e 1 posto attrezzato per passeggeri in carrozzina.
Come già menzionato, durante la decelerazione e la frenata entra in funzione il recupero energetico; il sistema agisce come un generatore producendo energia elettrica che viene inviata a speciali condensatori (i supercaps) che la accumulano per renderla di nuovo disponibile per una nuova fase di accelerazione. Il conseguente risparmio energetico si coniuga con l’abbattimento delle emissioni di ossidi d’azoto e di anidride carbonica.

19 autobus ibridi per le linee 90 e 96

Il programma di rinnovo del parco veicolare, il percorso intrapreso da Tper con decisione e a tappe costanti negli ultimi anni, prosegue senza sosta. L’ultima, ulteriore tappa concretizzata di recente, è l’acquisto dei bus ibridi che sono stati presentati oggi a Bologna: 19 Mercedes Citaro che cominceranno ad entrare in servizio nei prossimi giorni sulle linee suburbane 90 e 96, andando via via a coprire, a regime, tutti i turni di servizio di questi due importanti collegamenti tra il centro di Bologna e la cintura metropolitana. La linea 90, infatti, serve l’Ospedale Bellaria, San Lazzaro di Savena e Ozzano; la linea 96 Rastignano, Pian di Macina e Pianoro.

Tper Bologna sviluppa la rete suburbana

Lo sviluppo della rete delle “suburbane” – dalle caratteristiche intermedie tra i servizi delle linee prettamente cittadine ed i collegamenti extraurbani di più lunga percorrenza – è una scelta caratterizzante di Bologna adottata con successo già da molti anni, che saputo anticipare le tendenze del territorio, accompagnandone la crescita in senso metropolitano. Oggi, anche grazie a questa nuova fornitura di autobus, su di un numero sempre maggiore di corse di queste linee viene garantita la piena accessibilità e l’alta ecocompatibilità che contraddistingue già ampiamente il servizio in area urbana.

Una fornitura da 28 Citaro Hybrid

I 19 nuovi bus fanno parte di una fornitura di 28 Mercedes Citaro Hybrid da 12 metri recentemente acquistata da Tper per un valore complessivo di 6,2 milioni di euro; investimento effettuato per il 90% con autofinanziamento aziendale di Tper e per la restante parte con fondi UE “POR-FESR 2014-2020” messi a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna. Gli altri 9 bus che completano la fornitura sono in servizio sulla linea 6 di Ferrara, importante collegamento con l’Ospedale di Cona, anch’esso effettuato interamente con mezzi ibridi leggeri.

Tper rinnova con ibrido, metano ed elettrico

E’, questo, un importante investimento, attuato in aggiunta a quanto già programmato nei piani aziendali, spiega Tper: gli ibridi Mercedes vanno, infatti, a sommarsi, accelerandone gli effetti positivi, al piano già approvato di ammodernamento della flotta che Tper sta portando avanti dalla sua nascita. Un acquisto che rientra tra gli investimenti in linea con i “tre assi” perseguiti per il rinnovo delle flotte in chiave ambientale: ibrido, metano ed elettrico sono le scelte individuate in base alle diverse caratteristiche dell’articolata rete dei servizi svolti da Tper.

Tper verso gli obiettivi 2025

“Grazie alla solidità finanziaria dell’Azienda, che ha effettuato l’investimento in autofinanziamento per il 90%, e alla sinergia con le Istituzioni del territorio, si è potuta concretizzare questa opportunità di mercato che in soli tre mesi ci ha consentito di avere 28 nuovi mezzi ad alta compatibilità ambientale che sostituiranno altrettanti bus più datati” – ha commentato Giuseppina Gualtieri, Presidente e AD di Tper –“Un acquisto all’insegna della qualità del servizio che sottolinea ancora una volta l’affidabilità e la determinazione di Tper nel deciso rinnovo della flotta in direzione della sostenibilità ambientale, anche accelerando questa importante operazione. Già oggi con questi nuovi mezzi siamo ampiamente in regola con gli obiettivi comunitari 2020; in più, con gli impegni del piano investimenti già deciso e avviato, nel corso del prossimo anno avremo già raggiunto, in termini di quota veicolare ecologica, gli obiettivi europei previsti per le flotte pubbliche per il 2025, quindi con cinque anni d’anticipo”.

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Amtab sotto inchiesta: indagini su bilancio e assunzioni

L’indagine “Codice Interno” condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari ha aperto il vaso di Pandora della città, scoprendo intrecci su mafia e politica e su come la criminalità organizzata allungato la propria longa manus anche in Amtab, Azienda Mobilità e Trasporti Autofiloviari di Bar...