Pubblichiamo un breve stralcio di una lunga intervista a Foyer Rémy, general manager di Heuliez bus, contenuta nel numero di ottobre di AUTOBUS.

AUTOBUS ha incontrato Foyer Rémy, general manager di Heuliez bus, che ha tratteggiato i contorni del suo gruppo e gli obiettivi futuri.

Qual è la vostra esperienza in tema di bus elettrici?

«Abbiamo una lunga storia nel settore dei veicoli elettrici. Siamo stati il primo costruttore in Europa a realizzare un autobus ibrido, era il 2010. Nello specifico nel segmento dei bus full electric abbiamo avviato la produzione di serie nel corso di quest’anno e circa una decina di veicoli sono già in servizio in vari Paesi d’Europa. I primi test sono stati avviati nel 2015 e nello stesso anno abbiamo venduto il primo bus elettrico».

Il vostro autobus da 12 metri elettrico presenta un pacco batterie di 360 kWh. Una potenza installata importante, soprattutto se paragonata a quella offerta dalla concorrenza…

«Il peso specifico delle nostre batterie è nettamente più basso di quello della concorrenza. Ma non solo».

C’è altro?

«Certo. Le nostre batterie non necessitano del sistema di raffreddamento. Questo ci consente di tagliare ancora di più il peso che grava sul tetto del bus».

E nel caso della ‘opportunity’?

«In questo caso….

ABBONATI ORA

Heuliez Bus

Articoli correlati

Intermodalità, al via la partnership Ita Airways-Itabus

Viaggiare da Perugia e Pescara verso le destinazioni del network di Ita Airways con un biglietto unico e integrato sarà possibile da oggi, giovedì primo dicembre 2022, grazie al nuovo servizio offerto dalla compagnia di bandiera e Itabus, in vendita su tutti i canali di Ita Airways, call center, age...