Pubblichiamo un breve stralcio di una lunga intervista a Foyer Rémy, general manager di Heuliez bus, contenuta nel numero di ottobre di AUTOBUS.

AUTOBUS ha incontrato Foyer Rémy, general manager di Heuliez bus, che ha tratteggiato i contorni del suo gruppo e gli obiettivi futuri.

Qual è la vostra esperienza in tema di bus elettrici?

«Abbiamo una lunga storia nel settore dei veicoli elettrici. Siamo stati il primo costruttore in Europa a realizzare un autobus ibrido, era il 2010. Nello specifico nel segmento dei bus full electric abbiamo avviato la produzione di serie nel corso di quest’anno e circa una decina di veicoli sono già in servizio in vari Paesi d’Europa. I primi test sono stati avviati nel 2015 e nello stesso anno abbiamo venduto il primo bus elettrico».

Il vostro autobus da 12 metri elettrico presenta un pacco batterie di 360 kWh. Una potenza installata importante, soprattutto se paragonata a quella offerta dalla concorrenza…

«Il peso specifico delle nostre batterie è nettamente più basso di quello della concorrenza. Ma non solo».

C’è altro?

«Certo. Le nostre batterie non necessitano del sistema di raffreddamento. Questo ci consente di tagliare ancora di più il peso che grava sul tetto del bus».

E nel caso della ‘opportunity’?

«In questo caso….

ABBONATI ORA

Heuliez Bus

In primo piano

Citymood 12e, il tour-test su e giù per lo Stivale è un successo

Mancavano una manciata di settimane alla fine del 2021 quando, in quel di Flumeri, Industria Italiana Autobus lanciava il primo elettrico di casa. Il nome di battesimo? Citymood 12e, di fatto il primo ebus interamente progettato e realizzato in Italia. Una novità tutta made in Italy ben accolta dal ...

Quando il biglietto è intelligente è Pratic(k)o

Il gioco di parole è servito su un piatto d’argento. Un software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato: una soluzione pratica, o meglio, in un sola parola…Praticko. Stiamo parlando del progetto della software house e system integrator ...

Articoli correlati

Drivability, il progetto di social responsability di Cortina Express

Si chiama Drivability ed è il progetto di corporate social responsability di Cortina Express, la società che si occupa di servizi di mobilità con sede a Cortina d’Ampezzo nel cuore delle Dolomiti. Muoversi è sempre stato essenziale per lo sviluppo dell’umanità e oggi più che mai è un diritto come de...

Anav: «Transizione graduale verso le nuove alimentazioni»

Si è svolta oggi al Forte di Bard (Aosta), l’Assemblea annuale di Anav, Sezione Piemonte e Valle d’Aosta presieduta dalla Presidente Serena Lancione. Il Forte di Bard antica fortezza che affaccia sulla valle e ora anche centro espositivo e congressuale, ha ospitato una serie di incontri, interventi ...