image

All’inizio fu FlixBus, poi Megabus, Ouibus e ora Hellö. Sono sempre di più gli operatori stranieri che varcano i confini nazionali in cerca di fortuna, dando filo da torcere alle realtà italiane già attive da tempo con collegamenti nazionali ed internazionali. Da poche settimane, quasi in sordina, è sbarcato in Italia anche l’operatore austriaco Hellö, che fa capo al gruppo ferroviario ÖBB, collegando alcune città italiane come Milano, Genova e Venezia, ma anche Trieste, Bolzano e Udine, con i capoluoghi d’Oltralpe. In Austria l’operatore ha inizialmente attivato 10 collegamenti, nazionali ed internazionali, con 28 autobus turistici, ma assicurano si tratti solo dell’inizio. Come FlixBus, gli autobus messi a disposizione sono mezzi nuovi di zecca, dotati di ampio bagagliaio, connessione wi-fi gratuita, prese elettriche, sedili comodi, toilette e uno spazio ristoro. Per battere la concorrenza, però, Hellö ha anche aggiunto la possibilità di scegliere il posto a sedere in fase di prenotazione, in modo da dare un comfort in più a chi viaggia in compagnia o preferisce un posto vicino al finestrino piuttosto che vicino al corridoio. Oltre a biglietti scontati per la fase di lancio, a 15 euro l’uno.

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Amtab sotto inchiesta: indagini su bilancio e assunzioni

L’indagine “Codice Interno” condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari ha aperto il vaso di Pandora della città, scoprendo intrecci su mafia e politica e su come la criminalità organizzata allungato la propria longa manus anche in Amtab, Azienda Mobilità e Trasporti Autofiloviari di Bar...