Quasi il 60% degli utenti di mezzi di trasporto del Regno Unito intervistati vede in positivo un futuro in cui l’intera rete di autobus sarà composta da veicoli full electric. È il risultato di una nuova indagine commissionata da Volvo Buses. Ottenere il sostegno pubblico per l’implementazione di politiche di trasporto sostenibili è un tema che continua a dividere l’opinione pubblica. Le preoccupazioni per la qualità dell’aria continuano a crescere, con più della metà degli intervistati che sostengono pienamente il passaggio a opzioni di trasporto più verdi, come gli autobus elettrici.

futuro elettrico dell'autobus

Oltre 1.000 britannici intervistati

La ricerca ha esaminato il punto di vista del pubblico sul futuro del trasporto urbano, degli autobus elettrici e della qualità dell’aria in un momento di livelli di inquinamento pericolosamente elevati a causa del caldo. Tra gli intervistati vi sono automobilisti, utenti di autobus, treni e taxi, motociclisti, ciclisti e pedoni, di tutte le età superiori ai 16 anni e provenienti da tutto il Regno Unito. La ricerca è stata condotta da Censuswide per Volvo Buses, con 1.034 intervistati nel Regno Unito nel giugno 2018.

Alcune cifre del sondaggio Volvo Buses

Ecco alcuni dati interessanti del sondaggio:

  • L’82% degli intervistati dichiara che la qualità dell’aria nel luogo in cui vive o lavora è importante
  • il 58% degli intervistati sarebbe disposto a pagare di più in tariffe, tasse stradali o pedaggi per aumentare il numero di autobus elettrici e realizzare le infrastrutture necessarie per utilizzarli nella propria città in modo da migliorare la qualità dell’aria. Con più della metà (55%) convinti di dover fare di più con la pianificazione urbana per dare priorità agli autobus rispetto ad altri tipi di traffico per accelerare i viaggi.
  • il 41% degli intervistati concorda sul fatto che sarebbe felice di sopportare ritardi nel viaggio, mentre vengono apportati miglioramenti alle infrastrutture di una città

Una storia d’amore con le auto…..

Quando si considerano le scelte di trasporto, Volvo Buses riporta in un comunicato stampa, i risultati mostrano che la relazione amorosa del pubblico britannico con l’auto continua, con il 47% degli intervistati che afferma essere il mezzo di trasporto più usato, seguita dai viaggi in autobus (20%). Per quanto riguarda le scelte generazionali, il 60% dei britannici dai 55 anni in su usa più spesso l’auto e il 18% usa l’autobus, contro il 28% dei ragazzi dai 16 ai 24 anni che usano l’auto e il 27% che usano l’autobus.

…destinato a durare in futuro

Alla domanda su quale sarà la loro scelta di trasporto tra 15 anni, il 61% degli intervistati di età compresa tra i 16 e i 24 anni si vede più spesso utilizzare la propria auto, rispetto al 40% di quelli di 55 anni e oltre. Sebbene i millenials possano ora avere accesso a una maggiore scelta di servizi di trasporto, come le opzioni a richiesta, l’auto sembra destinata ad essere predominante nel breve termine nelle opinioni degli intervistati

Gli autobus sono troppo lenti

Tuttavia, più auto significa più congestione. Per quanto riguarda la recente aggiunta di servizi taxi su richiesta basati su app come Uber, il 44% degli intervistati preferirebbe scegliere un autobus, che è più economico di un servizio taxi basato su app. Tuttavia, solo il 9% preferirebbe un autobus per la sua velocità di transito, sottolineando la necessità che le autorità sostengano la priorità del trasporto pubblico di massa per i pendolari che hanno poco tempo a disposizione.

Gli inglesi prenderebbero gli autobus se…..

Secondo gli intervistati, le cinque ragioni principali, a parte i prezzi delle tariffe, che li porterebbero a prendere più spesso gli autobus, sono:

  • Corse più frequenti (28%)
  • Percorsi verso i luoghi da visitare (25%)
  • Fermate degli autobus più vicine a casa (22%)
  • Autobus che permettono di raggiungere più velocemente la destinazione (14%)
  • Bus più puliti all’interno (12%)

“La realtà è che una rete di autobus elettrici più silenziosa permetterebbe alle persone di avere fermate più vicine alle loro case e dove devono andare, poiché, senza emissioni e con un ridotto inquinamento acustico, ci sono poche restrizioni su dove possono essere. Allo stesso tempo, meno emissioni, significa più autobus per le strade, accelerando la frequenza e i tempi di percorrenza”, ha detto Håkan Agnevall, Presidente Volvo Buses.

Wifi e punti di ricarica sono importanti

Inoltre, oltre la metà degli intervistati concorda sul fatto che se le stazioni degli autobus venissero trasformate in punti d’incontro urbani, con punti di ristoro, bar e spazi pubblici verdi, il viaggio in autobus sarebbe ancora più attraente. Anche i servizi hanno un ruolo chiave da svolgere. Il 34% vuole la connessione wi-fi e punti di ricarica per i telefonini, mentre un quinto vuole informazioni dedicate sull’autobus su un’applicazione che gli dica quando bus successivo è in arrivo. Il 33% degli intervistati vuole viaggiare direttamente dalla propria posizione geografica a dove vuole andare, in modo simile a un taxi, mentre il 30% afferma che la sfida di cambiare l’infrastruttura di una città per accogliere gli autobus elettrici può essere una sfida per la sua più ampia adozione.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati