Per il Presidente di Seta “La fusione tra Tper, Seta e Start Romagna può essere affrontata solo avendo ben presente che le esigenze dimensionali del futuro operatore della mobilità dovranno conciliarsi con le esigenze dei territori che di quel servizio fruiscono. Diventare più grandi non deve significare essere più distanti dai cittadini, altrimenti anziché sinergie si produrranno diseconomie”.

 

Fusione tra Tper e Start Romagna? Una prospettiva

 “Si tratta di una proposta molto interessante, che non deve essere lasciata cadere e merita di essere approfondita. Seta è oggi una società sana e solida, con tutte le carte in regola per partecipare da protagonista a questo processo. Ovviamente, però, questo percorso impegna in primo luogo i soci, quindi spetterà a loro effettuare una valutazione nel merito ed operare le scelte più opportune”. Vanni Bulgarelli, Presidente di Seta, commenta così il progetto di fusione delle aziende del trasporto pubblico dell’Emilia-Romagna annunciato oggi da Raffaele Donini, Assessore regionale ai Trasporti.

 

Fusione tra Tper, Seta e Start Romagna, la parola di Bulgarelli

“Da un punto di vista più strettamente aziendale – prosegue Bulgarelli – la possibile unione di Seta con Tper e Start Romagna può essere affrontata solo avendo ben presente che le esigenze dimensionali del futuro operatore della mobilità dovranno conciliarsi con le esigenze dei territori che di quel servizio fruiscono. Il settore del trasporto pubblico è molto complesso, non standardizzabile come altri servizi a rete, ma richiede flessibilità e capacità di adattamento alle diverse necessità degli utenti. Le dimensioni delle aziende sono importanti per affrontare le sfide di innovazione profonda che ci attendono, ma il rapporto con i cittadini resta un punto ineludibile”.

 

Fusione tra Tper Seta e Start Romagna. Sì, in vista della gara

Per il Presidente di Seta “Non vi è dubbio che per affrontare al meglio le future gare per  l’affidamento del servizio, la dimensione economico-gestionale ottimale è più consistente di quella di cui oggi Seta (e le altre aziende regionali) possono disporre. Occorre crescere, dunque, per produrre tutte le sinergie di scala in grado di generare maggiore efficienza e qualità del servizio. Ma diventare più grandi non deve significare essere più distanti dai cittadini, altrimenti anzichè sinergie si produrranno diseconomie”.

 

Sulla natura e sul percorso che porterà alla nuova azienda regionale, Bulgarelli non esclude “altre possibili strade che i soci potranno indicarci, anche in questo caso da valutare ed approfondire nel merito. Ciò che ritengo fondamentale, tuttavia, è di evitare un immobilismo fine a sé stesso, restando abbarbicati ad un modello che – tanto a livello locale quanto nazionale – sta dimostrando gravi contraddizioni ed incongruenze. Da un lato, infatti, registriamo spinte ad una dimensione competitiva finalizzata al miglioramento del servizio, ma dall’altro si evidenziano forti resistenze di stampo conservatore, sia per quanto riguarda le norme nazionali (vedi il cd. Decreto Madia) sia tra i soggetti chiamati a concorrere a questo percorso unitario”.

[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][/fusion_text][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

In primo piano

Sustainable Bus Awards 2025: ecco chi sono i (14) finalisti

Per sapere chi saranno i tre vincitori dei Sustainable Bus Awards 2025 bisognerà aspettare la premiazione durtante la giornata inaugurale del FIAA di Madrid, in programma nella capitale spagnola dal 22 al 25 ottobre. Nel mentre però sono stati comunicati i 14 finalisti che si contenderanno gli ambit...

Articoli correlati

Autobus di Autolinee Toscane distrutto dalla fiamme

Tanta paura, ma fortunatamente nessun ferito, anche grazie alla prontezza dell’autista. Nella giornata di ieri un autobus di Autolinee Toscane ha iniziato a fumare per poi prendere fuoco e andare completamente distrutto, carbonizzato dalle fiamme. L’incidente è avvenuto lungo la carta de...