Dopo la manifestazione del 3 giugno scorso l’associazione Fai Trasporto Persone torna in piazza a Milano per dire «no a un Governo che ha dimenticato le imprese private del trasporto». Questa mattina si sono date appuntamento in Piazza Castello a Milano circa 300 aziende arrivate da tutta Italia per manifestare il proprio dissenso e la propria preoccupazione per il futuro.

Fai Trasporto Persone
Marta Regiardo, vice presidente nazionale di Fai Trasporto Persone

Fai Trasporto Persone, la dichiarazione della Regiardo

«Siamo qui a Milano per mettere al centro del dibattito il tema del trasporto pubblico», dichiara Marta Regiardo, vice presidente nazionale di Fai Trasporto Persone. «Il Governo si è dimenticato di tante aziende private e si è premurato, con gli ultimi provvedimenti, di salvaguardare solo le aziende già finanziate. Alle nostre aziende non solo non vengono garantiti i ricavi ma nemmeno la sopravvivenza». La Regiardo guarda al tessuto industriale e alle ricadute: «Qui si parla di 60mila aziende a rischio chiusura al cui interno operano 200mila dipendenti, non è una cosa da poco. Consideri che se contiamo anche l’indotto arriviamo a 300mila dipendenti».

Fai Trasporto Persone

Il trasporto persone, abbiamo bisogno di aiuti dal Governo

Questa è la seconda manifestazione del Fai Trasporto Persone. «Sì, è la seconda dopo quella del 3 giugno dove eravamo presenti in 15 piazze con 14mila persone e qualche risultato lo abbiamo ottenuto, soprattutto sul piano della visibilità. Abbiamo avviato dei tavoli con le Regioni. Importante il dialogo con la Regione Lazio dove c’è un progetto concreto per affiancare il trasporto pubblico di linea».

Fai Trasporto Persone

Cosa chiedete a questo Governo? «Di darci la possibilità di avere un futuro. Non chiediamo soldi a fondo perduto senza un progetto ma un incentivo per affiancare il servizio pubblico di linea che non ha i mezzi sufficienti per risponde alla domanda, visto il distanziamento sociale. I nostri mezzi sono sicuri e sanificati ogni giorno».

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Un po’ funivia, un po’ bus: viaggio alla scoperta di ConnX

Ha superato con successo l’articolata fase di test e tra un anno sarà definitivamente pronto per fare il suo ingresso nel mercato. L’annuncio è stato dato nei giorni scorsi a Vancouver sul palcoscenico più importante del settore, il congresso mondiale dei trasporti a fune: ConnX, la rivoluzione ecol...