Alexander Dennis Limited (NFI Group Inc), ha annunciato oggi che in collaborazione con Stagecoach, Fusion Processing e Transport Scotland, ha rivelato il primo assaggio della nuova livrea speciale per gli autobus autonomi che verranno lanciati in Scozia nel 2022. Si tratta della prossima pietra miliare nella sperimentazione CAVForth che vedrà gli autobus autonomi a grandezza naturale circolare sulle strade del Regno Unito per la prima volta il prossimo anno. Il nuovo servizio sarà composto da quattro autobus Alexander Dennis Enviro200 a un piano che percorreranno un itinerario di 14 miglia attraversando l’iconico Forth Road Bridge.

Fornirà una capacità fino a 10.000 passeggeri a settimana, collegando il Ferrytoll Park & Ride a Fife con l’hub di trasporto di Edimburgo Park e si prevede che sarà popolare tra i pendolari, gli studenti e i turisti.

Il nuovo servizio renderà facile per le persone passare al trasporto pubblico fornendo un nuovo percorso di autobus nel cuore della Scozia orientale. Questo arriva sulla scia del summit sui cambiamenti climatici COP26, dove l’operatore di autobus Stagecoach ha detto che il modo più veloce per fare progressi verso le ambizioni a emissioni zero del Regno Unito è che le persone smettano di fare viaggi in auto e invece viaggino con i mezzi pubblici, in bicicletta o a piedi.

I quattro autobus Enviro200, che avranno la nuova livrea speciale, sono attualmente dotati dell’innovativa tecnologia di controllo e dei sensori sviluppata e fornita dal leader del progetto, Fusion Processing Ltd, che permette loro di diventare guidati dal computer. I veicoli vengono anche messi alla prova con una serie di test virtuali e su pista per garantire che tutti i sistemi funzionino come previsto prima che i test su strada inizino più tardi quest’anno.

I colori e il design sono stati scelti attraverso una consultazione con le comunità locali e una decisione presa per assicurare che i veicoli si distinguano sulla strada. Il design della livrea ha lo scopo di assicurare che ci si senta ancora come un autobus normale, riconoscendo allo stesso tempo la serie di partner del progetto che stanno rendendo questo servizio pilota leader mondiale una realtà: Stagecoach, Fusion Processing, ADL, Transport Scotland, Edinburgh Napier University, Bristol Robotics Lab, University of the West of England, così come il Centre for Connected and Autonomous Vehicles come partner finanziario.

In primo piano

D’Auria Furore. Il minibus turistico per la ripartenza

Il nuovo corso del Gruppo D’Auria prende il via nella nuova sede, già pronta a febbraio 2020, poco prima che si abbattesse l’uragano pandemico. E prende forma con una nuova freccia al proprio arco, il modello Furore in grado di alloggiare 31 persone su telaio Daily, e sull’onda di una chiara divisio...

Articoli correlati

26 autobus elettrici targati Karsan per Deva (Romania)

L’elettrificazione delle reti di trasporto della Romania continua a pieno ritmo, anche grazie a Karsan, che ha infatti vinto un appalto per 26 autobus elettrici per la città di Deva. Il costruttore turco aveva già consegnato veicoli elettrici a molte città della Romania e firmato contratti ad ...

Genova, il trasporto pubblico diventa gratuito

Il primo dicembre Genova comincera’ la sperimentazione del trasporto pubblico locale gratuito, a partire al momento dagli impianti verticali (ascensori, funicolari e cremagliere) e metropolitana. L’obiettivo, ha spiegato il sindaco Marco Bucci “e’ incentivare l’utilizzo...