Schermata 2016-02-29 alle 23.16.49

ElectRoad è un progetto israeliano premiato all’interno dell’iniziativa Horizon 2020 dell’Unione Europea e ha l’obiettivo di incentivare l’adozione su larga scala di autobus totalmente elettrici. Tramite un sistema di ricarica innovativo, simile a quello che il Regno Unito sta testando per le automobili, chiamato Dynamic Wireless Power Transfer (DWPT), gli autobus elettrici potranno ricaricarsi mentre viaggiano grazie ad una tecnologia di ricarica che sfrutta il principio fisico dell’induzione. Il bus cattura l’energia dalla strada, sotto la quale sono installate delle piccole piastre che passano energia, eliminando così gli ostacoli infrastrutturali e i limiti di autonomia dei bus elettrici. Il DWPT consente inoltre di alleggerire i bus, eliminando le batterie di grandi dimensioni, aumentando lo spazio disponibile a bordo, incrementando la velocità dei mezzi e riducendo i consumi. Sotto i veicoli basta installare delle piastre che catturano l’energia sufficiente per far funzionare il bus, mentre energia extra viene stoccata in piccole batterie che garantiscono al mezzo autonomia fino a 5 chilometri. I ricercatori israeliani che hanno dato vita al progetto garantiscono che il sistema è sicuro sia per i veicoli sia per gli esseri umani: il passaggio di energia non ha controindicazioni di alcun tipo.

Picture2

In primo piano

Energy Mobility Solutions, la bussola di Iveco Bus per guidare i clienti verso la transizione energetica. L’intervista a Federica Balza, Sales Infrastructure Engineer

Si chiama Energy Mobility Solutions ed è il modello di business per la mobilità elettrica messo a punto da Iveco Bus per supportare gli operatori nella transizione energetica, offrendo una soluzione chiavi in mano su misura, dalla progettazione dei veicoli e delle relative installazioni alla loro re...

Siemens, tutte soluzioni per l’e-mobility

Siemens Smart Infrastructure è stata tra i protagonisti dell’edizione 2024 di NME – Next Mobility Exhibition, a Milano, dall’8 al 10 maggio. Soluzioni personalizzate per l’elettrificazione, infrastrutture di ricarica adatte a tutte le esigenze e soluzioni software e IoT per ottimizzare la gest...

Articoli correlati

Wayla, la startup che porta il trasporto on-demand (e condiviso) a Milano

Si scrive “Wayla”, ma si legge “uei là”, alla milanese, per intenderci. E proprio a Milano Wayla farà il proprio debutto a ottobre, lanciando un servizio di trasporto su richiesta, in sharing, che conterà inizialmente su una mini flotta di cinque mezzi, Fiat Ducato allestiti da Olmedo e a motorizzaz...
News