Anche Civitavecchia ha imboccato la strada della mobilità sostenibile presentando i nuovi minibus elettrici targati Tecnobus Industries Srl.

I piccoli elettrici saranno impiegati sulla linea Civitavecchia/Porto, gestita da Civitavecchia Servizi Pubblici, e consentiranno il ripristino della Linea C barrata era stata soppressa in conseguenza dell’aumento del costo del metano.

Alcune caratteristiche dei mezzi? La particolarità maggiore è la dimensione assai ridotta: i minibus, infatti, sono lunghi poco più di cinque metri, ma riescono a trasportare trenta passeggeri. La batteria è intercambiabile e riciclabile.

«In questo segmento Tecnobus è azienda leader a livello europeo – ha spiegato l’Amministratore Delegato di Tecnobus, Paolo Marini, che ha rilevato l’Azienda di Frosinone e Presidente della sezione Meccatronica di Unindustria – la forza del prodotto sta nel fatto che è nato ed è stato progettato come un mezzo elettrico, non è una derivazione, è ‘nativo Elettrico’. Un particolare che ancora oggi fa la differenza».
«Saremo i primi – ha aggiunto Maurizio Pica, direttore generale Tecnobus – a offrire a Civitavecchia il servizio di trasporto pubblico, cento per cento elettrico, che porta i passeggeri dalle navi da crociera direttamente alla stazione ferroviaria»

«L’inserimento di questi nuovi mezzi totalmente green è un obiettivo che ci siamo posti fin dall’inizio, – ha detto il Presidente di CSP Srl, Fabrizio Lungarini – la sostenibilità era infatti un altro dei nostri principali focus, insieme a efficienza e ottimizzazione del servizio»

Articoli correlati

Amt Genova testa l’ie tram Irizar da 18,7 metri

Nuova sperimentazione nel nome della mobilità sostenibile per Amt Genova che è pronta a testare sulle proprie strade l’ie tram Irizar da 18,7 metri. L’e-bus della casa madre basca si caratterizza per un’estetica accattivante e innovativa, che ricorda il vagone di una metropolitana. È lungo 18,73 met...