Eberspächer ha sviluppato Clean Air, una gamma di soluzioni per contrastare la diffusione del virus sui mezzi pubblici e garantire un ambiente sicuro a bordo. Non soltanto per i passeggeri, ma anche per il personale di guida e per chi si occupa della manutenzione dei veicoli. Sono disponibili tre livelli di intervento sul sistema di condizionamento, a seconda delle necessità dei clienti.

Eberspächer Clean Air, i prodotti per la purificazione dell’aria

Il problema dei mezzi pubblici, come degli spazi chiusi in generale, è l’alta concentrazione di agenti patogeni, che rende necessaria una ventilazione frequente. Su autobus e pullman, il ricambio dell’aria attraverso i sistemi di climatizzazione è una prima misura utile. La linea soluzioni Clean Air elaborata da Eberspächer interviene su tutta l’aria trattata dall’impianto, attraverso tre livelli differenti.

Al primo livello c’è la filtrazione meccanica. Il normale filtro evaporatore in schiuma di poliuretano viene sostituito da elementi in carta plissettati che filtrano non solo polveri, polline, muffe e fuliggine, ma anche le goccioline d’acqua, i cosiddetti “droplet” emessi con l’aerosol le cui dimensioni variano da 0,6 a 10µ. L’efficacia dei filtri Eberspächer raggiunge il 74% per particelle con dimensioni da 0,5µ e addirittura il 90% di quelle da 10µ.

Il secondo livello di filtrazione si basa su un sistema elettronico di pulizia dell’aria (EAC). Grazie a supporti polarizzati possono essere intrappolate anche le particelle più piccole (fino al 97% di quelle con dimensione da 0,3µ e fino al 99% di quelle da 10µ). Il sistema è disponibile in sette diverse dimensioni e viene posizionato all’interno della griglia di ripresa dell’aria di ricircolo.

Infine, al livello di sicurezza più alto ed efficiente si pongono i moduli a LED UV-C per la sterilizzazione dell’aria. Montati all’interno del sistema di climatizzazione, permettono di sterilizzare fino al 99,9% dell’aria in modo continuativo. I raggi UV-C sono infatti normalmente utilizzati per la sterilizzazione in ambiente sanitario e ospedaliero.

I tre livelli di intervento possono essere adottati singolarmente o combinati con soluzioni personalizzate in base alle esigenze del cliente. Possono essere utilizzati per flotte, municipalizzate o semplici operatori privati che vogliono migliorare il livello di sicurezza dei propri mezzi.

In primo piano

Articoli correlati

“Era il sogno di mio padre: sono diventa autista per lui”

Una bella storia quella di Michela Moglia, 56 anni, che dopo aver perso il proprio posto di lavoro si è rimboccata le maniche e con una bella dose di coraggio si è rimessa in gioco, iscrivendosi all’Academy per autisti di SETA. La donna ha frequentato il corso fino alla fine, superando tutti i...