Volvo bus

Le buone pratiche anti-contagio sul bus, secondo MAN

Coronavirus, buone pratiche per la sicurezza a bordo. I sistemi di condizionamento sono i ‘maggiori indiziati’ come elementi potenzialmente pericolosi. Quali sono le indicazioni dei costruttori? MAN interviene sul tema illustrando le raccomandazioni fornite ad autisti e operatori per bocca di Heinz Kiess, responsabile del Product Marketing Bus di MAN Truck & Bus.

coronavirus sicurezza bus

Coronavirus, sicurezza sul bus. Come?

Heinz Kiess spiega: “Gli autisti e gli operatori dovrebbero adottare varie misure per ridurre la possibilità che il virus si diffonda in tutta l’area passeggeri a causa dell’impianto di condizionamento dell’autobus. In primo luogo, l’impianto di climatizzazione dovrebbe essere utilizzato solo in modalità aria fresca – ove possibile – e senza ricircolo. Inoltre, l’impianto non dovrebbe essere disattivato manualmente con l’interruttore, poiché questo spegne solo il compressore del refrigerante e non la ventilazione»

Chiudere i service set e pulire i filtri

“Per evitare di ridurre la quantità di aria fresca nell’area passeggeri, anche la velocità della ventilazione non dovrebbe essere ridotta manualmente. Per gli autobus con service set, si consiglia di chiuderli prima dell’inizio del viaggio. Questo può aiutare a mettere i passeggeri più a loro agio, in quanto non saranno più colpiti da un flusso d’aria diretto. Al contrario, l’aria arriverà solo dalle bocchette di ventilazione sul cielo del bus. Per aumentare la purezza dell’aria, anche i filtri dell’aria interna dovrebbero essere sostituiti a intervalli regolari e brevi“, prosegue il rappresentante MAN.

Come funziona in generale un impianto di climatizzazione per autobus?

Heinz Kiess: “La temperatura nell’area passeggeri viene regolata con elementi riscaldanti nell’area passeggeri: questi si trovano sia sotto i sedili che sulle pareti laterali. Anche il box frontale e l’impianto di climatizzazione sul tetto contribuiscono a mantenere la temperatura. Con questi, la proporzione di aria fresca e di aria di ricircolo viene regolata in base alle condizioni ambientali utilizzando il “passenger area control”. Qui l’aria viene filtrata attraverso i filtri dell’aria interni installati di serie e, in una certa misura, con filtri a carbone attivo. Più avanti, l’aria utilizzata viene scaricata attraverso condotti separati. Con la ventilazione attiva, l’aria usata viene espulsa in modo permanente dall’interno del veicolo attraverso questi condotti, il che garantisce una circolazione dell’aria senza soluzione di continuità”.

coronavirus sicurezza bus

I rischi legati al condizionamento del bus

Heinz Kiess: “In teoria non possiamo escludere del tutto la possibilità di un’infezione da coronavirus dovuta all’impianto di condizionamento dell’aria dell’autobus. Tuttavia, riteniamo che il rischio sia molto basso. Altri fattori – principalmente la mancata osservanza delle norme igieniche generali e delle regole di allontanamento in vigore – comportano un rischio di infezione molto più elevato. Per questo motivo le misure di sicurezza raccomandate a livello regionale, nazionale e internazionale, stabilite o raccomandate dalle autorità competenti, dovrebbero essere rispettate anche negli autobus. Inoltre, i conducenti e gli operatori degli autobus dovrebbero assicurarsi che le maniglie e i pali siano regolarmente disinfettati. Riteniamo inoltre che sia molto sensato praticare una buona igiene e fornire disinfettanti all’ingresso dell’autobus”.

Come tutelare la salute degli autisti?

“Molti produttori e operatori stanno attualmente valutando la possibilità di dividere la cabina di guida dalla zona passeggeri con un pannello di plexiglas o qualcosa di simile – prosegue Kless -. Questo dovrebbe fornire una protezione più dedicata ai conducenti. Alcune soluzioni come questa sono già state implementate. Stiamo ricevendo ulteriori richieste a questo proposito, soprattutto dal mercato degli autobus urbani. Per la nostra nuova generazione di autobus urbani, a breve saremo in grado di offrire una parete protettiva per il posto conducente come equipaggiamento speciale installato presso lo stabilimento – e come soluzione in retrofit attraverso l’After Sales. Abbiamo ricevuto richieste anche per tutti gli altri veicoli gestiti dai nostri clienti, come gli autobus interurbani. Nel MAN Bus Modification Center di Plauen siamo in grado di realizzare rapidamente soluzioni personalizzate per casi specifici. Ci sono già alcune idee per gli autobus che vengono sviluppate in stretta collaborazione con le aziende. Attualmente le normative e le specifiche a livello internazionale sono molto incoerenti, per questo motivo cerchiamo di discutere e realizzare buone idee che vadano oltre i confini nazionali”.

2020-05-21T08:11:16+02:0021 Maggio 2020|Categorie: AUTOBUS NEWS|