bredamenarinibus_citymood_18_1

Ora ci sono i fondi per il rinnovo del parco circolante, una parte con il sistema tradizionale di gara (circa 500 milioni di euro) e una parte con l’inedita centrale unica che ha un budget di circa 235 milioni di Euro. Una grande opportunità per i costruttori di autobus che ora guardano a un programma a medio-lungo periodo. Tema al centro dell’incontro “Un’occasione da non perdere” organizzato all’interno del programma del 13° congresso nazionale di Asstra. Una tavola rotonda dove hanno partecipato, tra gli altri, Luigi Boggione di Iveco e Stefano del Rosso di Industria Italiana Autobus nonché presidente Anfia Autobus.

Iveco bus. Luigi Boggione: l’Italia è al centro della nostra azione

«L’Italia è al centro dell’azione di Iveco», ha dichiarato Luigi Boggione, «siamo soddisfatti della volontà di questo Governo di investire nel rinnovo del parco circolante. Come costruttori soffriamo la mancanza di pianificazione a differenza degli altri Paesi europei, Francia e Germania in testa, dove questa pratica ha consentito di produrre un modello di mobilità sostenibile ed efficiente». Ma Boggione si spinge oltre guardando all’utente perché «gli autobus moderni, confortevoli e sicuri sono lo strumento per attrarre parte di quel 80 per cento di cittadini che utilizzano l’auto privata per spostarsi». E la centrale unica d’acquisto? «La consideriamo un defibrillatore, ineludibile e anche un’opportunità. Il problema resta quello della situazione finanziaria, organizzativa e di visione di alcune aziende di trasporto italiane».

Stefano Del Rosso (Anfia): ora possiamo ricostruire un tessuto industriale

«Lavoro in questo settore da 38 anni e ho visto sparire 30 aziende produttrici italiane e ho assistito al depauperamento della professionalità di questo settore». Stefano Del Rosso saluta «la nuova era tratteggiata dal Governo che ha serie intenzione di far rinascere una filiera, e la centrale unica di acquisto può essere uno strumento per far riparte il nostro Paese. Come Anfia siamo favorevoli alla centrale d’acquisto e per questo ringrazio il professor Catalano e il Ministro De Vincenti che si sono spesi molto per questo progetto». Ma le aziende italiane sono pronte a questa sfida? «Noi rappresentiamo delle eccellenze. Faccio un nome: Rampini. Un’azienda che realizza autobus elettrici in tre taglie diverse e che esporta in tutta Europa ». Ma Del Rosso dribbla il tema ‘prodotto’ chiude con un ringraziamento a «un Governo che è tornato a pianificare una vera politica industriale e sociale».

In primo piano

E7S e non solo: le soluzioni di mobilità urbana sostenibile di Yutong

Con lo sviluppo continuo delle città e l’aumento della popolazione, il traffico urbano affronta sfide senza precedenti. Lo sviluppo rapido della tecnologia ci offre opportunità per ripensare il futuro dei servizi di trasporto cittadino. Le città hanno bisogno di soluzioni di mobilità più intelligent...

Articoli correlati