Foto-2_117

MAN, Volvo/Renault, Daimler, Iveco e Daf. Sono loro i costruttori finiti al centro di un’inchiesta della Commissione Europea che ha portato alla condanna delle aziende con il pagamento di una maxi-multa complessiva da 2,926 miliardi di euro. Per circa 14 anni i costruttori europei avrebbero fatto cartello tra loro sui prezzi di vendita dei camion, violando le regole di concorrenza comunitaria e dando vita ad un accordo illegale che scaricava sui consumatori finali i costi di aggiornamento alle nuove norme sulle emissioni inquinanti. “Si tratta della multa più salata di sempre per un cartello. Non è accettabile che le cinque società, che producono circa 9 camion di peso medio o grande su 10 in Europa, abbiano concluso una intesa illegale per 14 anni. La nostra decisione è un segnale chiaro alle imprese: le intese illegali di questa natura sono bandite nella Ue” fanno sapere da Bruxelles. Nello specifico, Iveco dovrà pagare 494,606 milioni di euro, Volvo 670,488 milioni, Daimler 1,008 miliardi e Daf 752,679 milioni. Indenne MAN che archivia la condanna senza una sanzione pecuniaria grazie alla denuncia alla Commissione che ha dato il via all’indagine.

In primo piano

Praticko, QuickBuy conquista (e soddisfa) anche Locatelli Autoservizi

Pratico come…Praticko. Si chiama così il software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato, ideato e sviluppato da Soluzione 1 srl. Nell’autunno del 2021, in piena seconda ondata pandemica, Praticko ha lanciato QuickBuy Stop, soluzione smart pe...

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati