Arriveranno tra pochi giorni gli Iveco bus Urbaway per Atm Milano. Eccoli qui ritratti dietro la rete che disegna i confini dello stabilimento francese Iveco di Annonay. Gli autobus qui ritratti sono parte della commessa di Iveco per Milano e rappresenta un ‘saldo’ per un tender coperto parzialmente da Solaris. Ma ripercorriamo la storia. Il 15 gennaio scorso, con una sentenza che farà storia, il Consiglio di Stato ha accolto le istanze sollevate da Iveco bus. Atm Milano, non potendo più acquistare da Solaris i rimanenti 125 autobus Classe I da 12 metri oggetto del contratto quadro da 250 bus, ha firmato un accordo con Iveco per chiudere il contratto con altri 120 bus Classe I.

Atm Milano, Iveco vince il ricorso

Secondo l’istanza presentata da Iveco, e accolta dal giudice, l’offerta di full service di Solaris presentava alcune anomalie. Con la sentenza di gennaio il Consiglio di Stato ha messo così la parola fine a una storia che si trascina dal 23 dicembre 2013 quando la gara in oggetto era stata vinta da Bredamenarini (all’epoca ancora Finmeccanica) e poi, a causa di un eccesso di ribasso, aggiudicata a Solaris. Iveco, già all’epoca, aveva alzato il braccio facendo ricorso. Il 16 aprile 2015 il Tar revoca la sospensiva e il giorno dopo Atm firma il contratto con il Gruppo polacco. Il Tar, in quell’occasione, non ritenne gli argomenti sollevati da Iveco «tali da supporre un errore di procedura da parte di Atm di Milano». Finita qui? No. Da qui la parola passa al tribunale regionale amministrativo che nel giugno del 2015 scrive nero su bianco che Atm Milano deve risarcire Iveco Bus per il mancato introito e acquistare i rimanenti 125 autobus oggetto della gara d’appalto da Iveco. Sentenza a cui la stessa Atm risponde con il ricorso al Consiglio Stato in quanto non condivide «le argomentazioni di fatto e di diritto espresse dal Giudice, frutto anche di una lettura parziale dei dati economici di riferime.nto, pur nel rispetto della sentenza». Il 15 gennaio scorso la risposta del Tar è arrivata. Ed è stata quella definitiva.

 

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Un po’ funivia, un po’ bus: viaggio alla scoperta di ConnX

Ha superato con successo l’articolata fase di test e tra un anno sarà definitivamente pronto per fare il suo ingresso nel mercato. L’annuncio è stato dato nei giorni scorsi a Vancouver sul palcoscenico più importante del settore, il congresso mondiale dei trasporti a fune: ConnX, la rivoluzione ecol...