Investimenti per rinnovare veicoli e infrastrutture, ma anche i lavori sulla Metro A. Sono i temi approfonditi questa mattina dal Direttore generale di Atac, Alberto Zorzan, nel corso di una audizione con la commissione capitolina Mobilità.
“L’investimento complessivo dei progetti supera i 400 milioni di euro – ha detto Zorzan -. Dentro c’e’ la prima metà dei progetti inseriti nella prima tranche del Dpcm del 15 dicembre 2022 e riguarda sei ambiti. C’e’ la sostituzione di autobus, quindi rinnovo della flotta con bus ibridi e a metano. C’e’ il completamento dell’armamento sulla linea A, l’intervento che stiamo facendo si ferma a Ottaviano, manca l’ultima tratta. E’ previsto il rifacimento e l’ammodernamento della metà delle paline di fermata della rete di superficie. C’e’ inoltre una ulteriore iniezione di sei treni, nell’ambito di un contratto già sottoscritto per 14 convogli, 12 per la Metro B e due per la Metro A, si aggiungono ai 30 già contrattualizzati”.

Alberto Zorzan, stipula delle convenzioni tra Atac e la società Giubileo 2025


“Atac ha presentato 12 progetti tra infrastrutture e veicoli della rete del trasporto pubblico – ha proseguito Zorzan – la metà è stata inserita nel primo Dpcm ed è in corso l’attività di affidamento dei lavori e stipula delle convenzioni tra Atac e la società Giubileo 2025. In questo momento riferendoci soprattutto agli investimenti del Giubileo, Atac è coinvolta come soggetto attuatore. A livello di ministero dell’Economia e delle finanze è stata costituita la società ‘Giubileo 2025’ che svolge il ruolo di centro di monitoraggio e ha ruolo anche di stazione appaltante in una pluralità di casi. Il decreto del 15 dicembre del 2022 affida ai soggetti attuatori la parte esecutiva”.
La conclusione degli interventi sulla Metro A è prevista entro il 2023, “poi partirà l’altra tratta, per i tempi dipenderà da quando riusciremo ad affidare i lavori”. Nel primo Decreto della presidenza del consiglio sul Giubileo, infatti, “c’e’ il completamento dell’armamento sulla linea A, l’intervento che stiamo facendo si ferma a Ottaviano, mancava l’ultima tratta”, ha concluso Zorzan.

Zorzan ha ricordato che i “binari non sono stati cambiati per 35 anni


Proprio sul tema dei lavori della Metro A, è al vaglio l’ipotesi di allungare le interruzioni di servizio per agevolare gli interventi nei momenti di scarsa affluenza. “Sulla linea A della metropolitana abbiamo fatto un terzo del lavoro” nell’ambito della sostituzione dei binari “e in questo momento siamo partiti dal deposito e siamo arrivati alla doppia canna, circa sette chilometri: i lavori stanno procedendo regolarmente sfruttando l’orario notturno. Sono previste delle possibilità che dobbiamo chiarire in quali termini realizzare, di interruzioni più lunghe – ha spiegato Zorzan – in alcuni momenti di scarsita’ di clientela, perché questo tipo di attività è veramente impattante”. Zorzan ha ricordato che i “binari non sono stati cambiati per 35 anni, è inconcepibile dal punto di vista della sicurezza ma lo è anche perché parliamo di sistemi su cui vengono meno tutta una serie di caratteristiche che poi vanno a influire sulla disponibilità del servizio della linea stessa”.

In primo piano

E7S e non solo: le soluzioni di mobilità urbana sostenibile di Yutong

Con lo sviluppo continuo delle città e l’aumento della popolazione, il traffico urbano affronta sfide senza precedenti. Lo sviluppo rapido della tecnologia ci offre opportunità per ripensare il futuro dei servizi di trasporto cittadino. Le città hanno bisogno di soluzioni di mobilità più intelligent...

Articoli correlati