atac-autobus-fiamme

A distanza di pochi giorni dal primo caso di incendio scoppiato venerdì scorso a bordo di una vettura di Atac sulla linea 51 nei pressi del Colosseo e da quello di lunedì ad un bus della linea 44 andato bruciato a Monte Mario, anche ieri un autobus di linea della municipalizzata capitolina ha preso fuoco. L’incendio in questo caso è scoppiato nel vano motore del mezzo; pian piano le fiamme si sono propagate all’interno del bus e una colonna di fumo nero ha avvolto definitivamente il mezzo. Fortunatamente, ancora una volta, non ci sono state ripercussioni su passeggeri o personale di guida, dato che l’autobus si trovava fermo in sosta al capolinea di piazza Balsamo Crivelli a Casal Bruciato. A questo punto viene da chiedersi, con casi così ravvicinati nel tempo, come mai gli autobus di Atac vanno a fuoco? La ragione è da ritrovarsi nelle pessime condizioni in cui versano i mezzi della società di trasporto pubblico, che quotidianamente subiscono guasti e sentono l’età e i chilometri percorsi. Una situazione che forse è arrivata al suo culmine e che deve essere risolta al più presto, a cui Francesco Micheli, direttore generale fresco di nomina, dovrà a breve trovare soluzione. In attesa dei primi 100 nuovi autobus che entreranno in servizio già dal prossimo gennaio 2016.

In primo piano

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autobus di Autolinee Toscane distrutto dalla fiamme

Tanta paura, ma fortunatamente nessun ferito, anche grazie alla prontezza dell’autista. Nella giornata di ieri un autobus di Autolinee Toscane ha iniziato a fumare per poi prendere fuoco e andare completamente distrutto, carbonizzato dalle fiamme. L’incidente è avvenuto lungo la carta de...