IMG_9702

Mom – Mobilità di Marca ha presentato mercoledì scorso alla città di Treviso i nuovi autobus dedicati al trasporto urbano. Si tratta di cinque mezzi alimentati a metano modello Lion’s City prodotti da Man: 12 metri di lunghezza, particolarmente adatti ai circuiti cittadini, avranno una capienza fino a 93 posti (di cui 23 a sedere). Man che si è aggiudicata la fornitura è stata insignita anche del riconoscimento Bus of the Year 2015, anche grazie a questo modello particolarmente confortevole sia alla guida che negli interni.

La gara è stata indetta un anno fa per un investimento totale di 1,4 milioni di euro: ogni mezzo costa infatti oltre 260 mila euro, per il 60% finanziati dal fondo Par Fsc Veneto 2007-2013 (complessivi 695.307 euro). La parte restante è invece a carico di Mom, che dal 2012 ha intrapreso un piano investimento straordinario per l’ammodernamento della flotta.

“In un momento in cui la città di Treviso sta vivendo con preoccupazione i dati relativi alla presenza di polveri sottili nell’aria – ha affermato il presidente Mom, Giulio Sartor – possiamo dire che Mom dimostra di fare la sua parte, mettendo in strada un parco macchine tra i più green d’Italia: non solo questi 5 bus a metano sono pronti ad entrare in servizio, ma se ne aggiungeranno altri 14, tra urbani ed interurbani, entro il 2016. Un processo di rinnovamento intrapreso poco più di due anni fa, quando l’azienda stava nascendo, e che porterà la flotta in servizio in città e nei comuni della cintura ad essere esclusivamente Euro 5 e 6 nel giro di un anno e con una anzianità di immatricolazione inferiore ai 7 anni”.

“Avevamo promesso di portare su strada entro il 2015 i nuovi bus a metano e oggi la promessa è mantenuta. Ad ottobre sono state aggiudicate anche altre due forniture – ha spiegato inoltre il direttore Mom, Giacomo Colladon – di altri 4 autobus di tipo urbano 12 metri alimentati a gasolio (Euro 6) e di 10 autobus interurbani 14 metri (sempre Euro 6), per un investimento rispettivamente di 1 e 2,7 milioni di euro. In quattro anni Mom ha messo in campo un grande sforzo per il rinnovo parco macchine, con un investimento da oltre 7 milioni di euro e la messa in strada di ben 27 nuovi mezzi”.

Un impegno particolarmente concentrato nell’area urbana di Treviso, dove importante è il problema smog: dei 55 mezzi circolanti ad oggi già 32 sono a metano (il 60% della flotta) e si aggiungono 13 (ma saranno 17 entro la metà del 2016) bus Euro 6 le cui prestazioni, in termini di emissioni di Co2 sono addirittura migliori rispetto allo stesso metano. “Passare al bus è l’unica vera strada per la riduzione del traffico veicolare e del conseguente inquinamento, la scelta più corretta per la salute e l’ambiente – conclude il presidente Sartor – siamo convinti che un parco macchine ecologico e confortevole sia alla base di quel cambio di passo nell’utilizzo dei mezzi pubblici, un cambiamento che è soprattutto culturale”.

In primo piano

Praticko, QuickBuy conquista (e soddisfa) anche Locatelli Autoservizi

Pratico come…Praticko. Si chiama così il software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato, ideato e sviluppato da Soluzione 1 srl. Nell’autunno del 2021, in piena seconda ondata pandemica, Praticko ha lanciato QuickBuy Stop, soluzione smart pe...

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati

Tpl, Amts Catania potenzia geolocalizzazione e monitoraggio dei bus

Amts Catania sta potenziando l’intero sistema di geolocalizzazione e monitoraggio dei propri autobus. Gli obiettivi, sono quelli di migliorare l’affidabilità e la tempestività delle informazioni fornite agli utenti sugli orari di passaggio alle fermate, visualizzate sia sulle paline elet...
Tpl