È stato pubblicato il decreto con il quale vengono  assegnate le risorse del Piano strategico nazionale di mobilità sostenibile (PSNMS). Serviranno a sostenere il rinnovo del parco autobus per i servizi di TPL e la realizzazione delle infrastrutture per alimentazioni alternative.

Piano strategico nazionale di mobilità sostenibile, il decreto per la ripartizione delle risorse

Le risorse stanziate per decreto con il PSNMS sono destinate ai Comuni ed alle Città metropolitane con più di 100.000 abitanti. L’importo complessivo è di 1.287 milioni di euro circa per le competenze 2019-2033, di cui 133 milioni circa per il primo quinquennio.

Le risorse sono destinate all’acquisto di veicoli adibiti esclusivamente al tpl e alle relative infrastrutture. Tuttavia, i vincoli di impiego, in virtù del decreto Rilancio, sono disapplicati fino al 30 giugno 2021. Fino a quella data è quindi consentito effettuare ordinativi anche per autobus ad alimentazione tradizionale di più recente classe di emissione.

Fino al 31 dicembre 2024, è inoltre consentita la disapplicazione dei vincoli di cofinanziamento da parte dei soggetti beneficiari (Comuni e Città metropolitane o soggetti terzi dagli stessi designati, tra cui le imprese di TPL) stabiliti dai diversi piani di sostegno al rinnovo del parco autobus TPL in corso di finanziamento con risorse statali.

Il decreto accoglie una proposta avanzata da ANAV, consentendo che le risorse possano essere impiegate anche per procedure di acquisto dei mezzi già effettuate o avviate a partire dal 17 aprile 2019, data di emanazione del DPCM di adozione del Piano strategico.

Fonte notizia: Vaicolbus

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Un po’ funivia, un po’ bus: viaggio alla scoperta di ConnX

Ha superato con successo l’articolata fase di test e tra un anno sarà definitivamente pronto per fare il suo ingresso nel mercato. L’annuncio è stato dato nei giorni scorsi a Vancouver sul palcoscenico più importante del settore, il congresso mondiale dei trasporti a fune: ConnX, la rivoluzione ecol...