Guida autonoma? C’è anche Anadolu Isuzu. Sì, perché il costruttore turco ha trasformato il NovoCiti Volt di 8 metri completamente elettrico in una piattaforma per veicoli senza conducente, superando con successo tutti i test.

E così le soluzioni sviluppate con tecnologie open-source rendono gli autobus di medie dimensioni di nuova generazione prodotti da Anadolu Isuzu pronti per la guida completamente autonoma.

Nel campo delle tecnologie di guida autonoma, Anadolu Isuzu collabora con Leo Drive, un’iniziativa che sviluppa soluzioni software, hardware e algoritmiche scalabili e affidabili specifiche per le tecnologie di guida autonoma. Il progetto è gestito in collaborazione con la Fondazione Autoware, un’organizzazione senza scopo di lucro che mira a fornire una tecnologia di guida autonoma per tutti e sostiene soluzioni basate sull’open source.

Proprio nell’ambito della collaborazione con Leo Drive, Anadolu Isuzu ha trasformato il NovoCiti Volt in una piattaforma per veicoli senza conducente: il veicolo di prova, dotato di numerose telecamere LiDAR di tecnologia avanzata, sensori, processori e controller speciali e sistemi di guida connessi, è stato testato in un’ampia gamma di scenari, con e senza passeggeri.

Considerato un veicolo autonomo di livello 3, il veicolo di prova autonomo NovoCiti Volt ha dimostrato una capacità di guida sicura nel rispetto della segnaletica stradale e dei semafori in varie condizioni di traffico, nonché nell’attraversamento di pedoni e veicoli in movimento o in sosta.

Il Direttore Generale di Anadolu Isuzu Tuğrul Arıkan ha dichiarato: «Non ci limitiamo a seguire le tendenze che trasformano l’industria automobilistica, ma partecipiamo alla loro formazione attivamente. La nostra forza deriva dalla nostra esperienza di oltre 40 anni nel campo dei veicoli commerciali, dal nostro carattere innovativo e ambientalista e dalla nostra superiore capacità di ricerca e sviluppo. Come Anadolu Isuzu, siamo leader del settore con il nostro portafoglio di veicoli elettrici in continuo sviluppo, oltre ai veicoli ecologici alimentati a biogas e a idrogeno e ai nostri sforzi nelle tecnologie di guida autonoma. Questo progetto, che abbiamo realizzato con successo utilizzando le tecnologie open-source più avanzate al mondo al livello di guida autonoma 3, costituisce una componente molto importante della nostra visione di produrre veicoli innovativi, sostenibili, sicuri e confortevoli. Con la nostra infrastruttura produttiva, la nostra tecnologia e le nostre competenze, siamo pronti a soddisfare le esigenze dei nostri clienti sia sul mercato nazionale che su quello estero».

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Un po’ funivia, un po’ bus: viaggio alla scoperta di ConnX

Ha superato con successo l’articolata fase di test e tra un anno sarà definitivamente pronto per fare il suo ingresso nel mercato. L’annuncio è stato dato nei giorni scorsi a Vancouver sul palcoscenico più importante del settore, il congresso mondiale dei trasporti a fune: ConnX, la rivoluzione ecol...