Amt Genova, l’abbonamento ai mezzi pubblici si rinnova… in posta

Il rinnovo dell’abbonamento ai mezzi pubblici? Direttamente allo sportello della posta. Amt Genova è la prima azienda in Italia a siglare un accordo con Poste Italiane. 70 sportelli a Genova e oltre 12.800 sportelli su tutto il territorio nazionale sono da oggi utilizzabili dagli utenti dei mezzi Amt.

amt genova poste italiane

Amt Genova e le poste, una prima italiana

Far crescere la presenza di Amt sul territorio per essere ancora più vicina ai propri clienti: è questo l’obiettivo della partnership siglata con Poste Italiane, annunciata dall’azienda di trasporto genovese tramite una nota stampa. Grazie al nuovo accordo, Amt diventa la prima realtà in Italia ad offrire la possibilità ai propri clienti di rinnovare gli abbonamenti al trasporto pubblico presso tutti gli uffici postali.

Questo accordo rientra nella strategia di Amt di rendere sempre più facile le modalità di relazione con i propri clienti sia con il potenziamento del canale online (che ha visto recentemente il rilascio della nuova app con maggiori funzionalità) sia con l’ampliamento del canale fisico, prestando quindi particolare attenzione alle radicate abitudini di acquisto di molti abbonati genovesi.

La diversificazione e l’incremento dei punti dove sarà possibile rinnovare gli abbonamenti permetterà di concentrare nelle biglietterie Amt le relazioni commerciali più complesse, come la vendita rateale o le pratiche per il rilascio degli abbonamenti agevolati.

Abbonamenti rinnovabili allo sportello della posta

Presso gli sportelli postali, infatti, si potrà effettuare il rinnovo degli abbonamenti Amt CityPass annuali e mensili.  In particolare si possono rinnovare gli abbonamenti annuali ordinari, gli annuali per studenti under 19, l’abbonamento giovani under 14 e il mensile ordinario da 46 euro. È possibile rinnovare anche il mensile agevolato purché in possesso di carta CityPass in corso di validità.

Per rinnovare l’abbonamento è sufficiente portare con sé la propria card CityPass, oppure presentare all’operatore l’abbonamento scaricato sullo smartphone tramite l’app di Amt. I clienti potranno rinnovare l’ultima tipologia di abbonamento caricato su CityPass. La data di decorrenza sarà il giorno successivo alla data del rinnovo oppure il giorno successivo alla scadenza dell’abbonamento in corso di validità.

Una partnership innovativa

“È una partnership innovativa quella che è stata avviata oggi tra Amt e Poste Italiane – sottolinea Stefano Balleari, Vicesindaco e Assessore alla Mobilità del Comune di Genova – L’accordo tra le due società s’inserisce nell’ottica, condivisa anche dall’Amministrazione comunale, di attivare iniziative volte a facilitare la quotidianità dei cittadini attraverso soluzioni comode e pratiche”.

“Questo accordo è un passaggio fondamentale nel percorso di Amt di miglioramento del servizio ai clienti – dichiara Marco Beltrami, Amministratore Unico di Amt (a sinistra in foto) – vogliamo offrire sempre più canali e modalità di interazione; la partnership con Poste Italiane ci consente di portare sul territorio la possibilità di rinnovare gli abbonamenti con facilità praticamente in ogni parte della città. Questo accordo è anche la dimostrazione che mettendo a sistema gli attori economici e istituzionali presenti sul territorio si possono ottenere importanti benefici per i cittadini”.

“Poste Italiane ribadisce l’importanza di questa nuova partnership con Amt Genova per valorizzare la capillarità della propria rete, formata da oltre 12.800 Uffici Postali e circa 35 milioni di clienti, e dimostrare concretamente la vicinanza alle esigenze dei cittadini e la volontà di collaborare con le realtà territoriali – dichiara Claudio Cella, Responsabile Mercato Business e PA Poste Italiane area Nord Ovest (a destra nella foto) – Questi elementi costituiscono il tratto fondante della strategia di crescita dell’Azienda in linea con il percorso di sviluppo e innovazione delineato dal piano industriale Deliver 2022, che conferma il ruolo di Poste Italiane come parte integrante del tessuto sociale e produttivo del Paese”.

2019-08-01T14:27:32+00:001 Agosto 2019|Categorie: TPL|Tag: |

Iscriviti alla Newsletter

* campo obbligatorio