Amplify Cell Technologies è il nome della joint venture costituita da Daimler Truck, Paccar e Accelera by Cummins finalizzata alla localizzazione della produzione di celle per batterie e della catena di fornitura delle stesse negli Stati Uniti. L’amministratore delegato? Kel Kearns.

L’obiettivo è iniziare la costruzione di uno stabilimento da 21 gigawattora (GWh) nella contea di Marshall, nel Mississippi, con possibilità di ulteriore espansione in base alla crescita della domanda. La fabbrica dovrebbe creare più di 2.000 posti di lavoro nel settore manifatturiero statunitense e l’inizio della produzione è previsto per il 2027.

Amplify Cell Technologies per la produzione di batterie negli USA

Amplify Cell Technologies ha inoltre nominato Kel Kearns nuovo amministratore delegato: Kearns guiderà Amplify nella produzione di celle per batterie al litio-ferro-fosfato (LFP) differenziate.

La carriera di Kel Kearns si estende per diversi decenni ricoprendo vari ruoli nell’industria automobilistica e manifatturiera. Gli ultimi 29 anni li ha trascorsi in Ford, dove ultimamente ricopriva la posizione di Plant Manager presso il Tennessee Electric Vehicle Center. Inoltre, è stato membro del Consiglio di Amministrazione di Savic Motorcycles e della Camera di Commercio e Industria del Tennessee.

Accelera, Daimler Truck e PACCAR detengono ciascuna il 30% dell’azienda. EVE Energy, invece, è il partner tecnologico con il 10% di proprietà e contribuisce con la sua esperienza di progettazione e produzione di celle per batterie. EVE Energy è un leader tecnologico globale con sede in Cina nella produzione di celle per batterie LFP per l’industria automobilistica.

In primo piano

Siemens, tutte soluzioni per l’e-mobility

Siemens Smart Infrastructure è stata tra i protagonisti dell’edizione 2024 di NME – Next Mobility Exhibition, a Milano, dall’8 al 10 maggio. Soluzioni personalizzate per l’elettrificazione, infrastrutture di ricarica adatte a tutte le esigenze e soluzioni software e IoT per ottimizzare la gest...

Articoli correlati

Wayla, la startup che porta il trasporto on-demand (e condiviso) a Milano

Si scrive “Wayla”, ma si legge “uei là”, alla milanese, per intenderci. E proprio a Milano Wayla farà il proprio debutto a ottobre, lanciando un servizio di trasporto su richiesta, in sharing, che conterà inizialmente su una mini flotta di cinque mezzi, Fiat Ducato allestiti da Olmedo e a motorizzaz...
News