Il Gruppo Hübner ha stipulato un accordo di cooperazione con Airdal per la distribuzione di prodotti di protezione antivirale per le superfici dei mezzi di trasporto pubblico. L’obiettivo della collaborazione è lavorare insieme per fermare la diffusione virale nel settore della mobilità, garantendo la disinfezione delle superfici di autobus e treni.

Accordo Hubner – Airdal: mezzi sicuri per il trasporto pubblico

 “Le società di trasporto regionale stanno affrontando grandi sfide a causa del coronavirus. Dall’inizio della pandemia, il numero di passeggeri è rimasto al di sotto dei livelli dell’anno scorso, anche se autobus e treni non sono stati identificati come una particolare fonte di diffusione dell’infezione“. Così afferma Helge Förster, direttore generale del gruppo Hübner e responsabile del segmento di business della mobilità dell’azienda. “Abbiamo cercato soluzioni per supportare i nostri clienti nell’attuale difficile periodo e con Airdal ne abbiamo trovata una“.

Grazie all’accordo, Hübner può quindi offrire il prodotto di protezione antivirale per superfici di Airdal per tutte le aree rilevanti dei veicoli di trasporto pubblico. “Siamo molto lieti di aver trovato un partner forte nel mercato degli autobus e dei treni con cui possiamo collaborare per offrire i nostri prodotti in questo segmento di mercato“. Questo il commento di Marice Sevecke, responsabile dello sviluppo aziendale di Airdal-Retail.

Come funziona il prodotto per la protezione antivirale

Il prodotto rende impossibile la sopravvivenza di virus o batteri su maniglioni, posti a sedere, ingressi e passerelle dei veicoli e nell’abitacolo del conducente, ovunque le persone abbiano contatto diretto tra la pelle e le superfici. “Nel fornire questa protezione, Airdal funziona interamente attraverso le sue proprietà fisiche: dopo l’applicazione, sulla superficie si forma una pellicola protettiva ultrasottile in vetro amorfo. Le punte ultra-miniaturizzate di questa pellicola distruggono la parete cellulare di virus e batteri. Gli agenti patogeni vengono così eliminati e non possono diffondersi“, spiega Tim Dortans, responsabile del servizio autobus di Hübner.

Il prodotto offre molteplici vantaggi. Innanzitutto, le superfici trattate non devono essere pulite e disinfettate così frequentemente: dopo un breve periodo dall’applicazione, la quantità di microrganismi sulle superfici si riduce di circa il 99,9%, come dimostrato da test indipendenti, senza alcun impatto negativo sui materiali rivestiti. Inoltre, garantisce risparmio sui costi di pulizia e disinfezione, perché la protezione invisibile della superficie rimane efficace fino a dodici mesi dopo l’applicazione. Inoltre, “la protezione della superficie può creare una nuova sensazione di sicurezza per i passeggeri“, sottolinea Christoph Steinbach, Sales Manager per After Sales & Service per i veicoli ferroviari.

L’applicazione è semplice. “Dopo una pulizia preliminare, il prodotto può essere applicato semplicemente sulle superfici senza alcuna preparazione aggiuntiva. Due persone possono così disinfettare un intero veicolo in un breve periodo di tempo.”

Sulle superfici dove è stato applicato Airdal, non è necessaria una disinfezione chimica aggiuntiva. Queste superfici dovrebbero essere semplicemente pulite a intervalli regolari. L’accordo tra Hübner e Airdal garantirà dunque sicurezza ai passeggeri nell’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Viaggia chiuso dentro la bagagliera del pullman…per errore!

Un ragazzo ha viaggiato per mezz’ora chiuso dentro la bagagliera del pullman. E, no, non per evitare di pagare il biglietto. Protagonista della disavventura un ventenne che è rimasto chiuso dentro per errore nel portabagagli di un autobus sostitutivo, dove era entrano per alloggiare il monopat...