Circa 900 e-bus sono in funzione sotto la livrea dell’azienda di trasporto pubblico del Qatar Mowasalat durante la Coppa del Mondo di calcio. Abbiamo avuto l’opportunità di visitare le strutture e di dare un’occhiata da vicino alle operazioni grazie all’invito del produttore cinese Yutong, fornitore della maggior parte dei veicoli.

Gli autobus sono stati infatti acquistati a seguito di una gara d’appalto internazionale che ha visto la partecipazione di una decina di produttori. Il lotto più grande, incentrato sugli autobus elettrici a batteria, non avrebbe ricevuto molto interesse e offerte da parte dei produttori europei.

Autobus elettrici a Doha per la Coppa del Mondo FIFA

Yutong si è aggiudicata un ordine per 1.002 veicoli, di cui 741 a trazione elettrica (i restanti sono a diesel). Per il gruppo cinese si tratta di un primo passo nella regione: Yutong ha firmato un accordo quadro con la Qatar Free Zones Authority (QFZA) e Mowasalat per stabilire una fabbrica KD in Qatar che servirà l’intera area.

Credit: Autobus

I caricabatterie sono stati assegnati ad ABB. Si parla di oltre 125 MW di capacità di ricarica, 1.300 connettori per la ricarica a destinazione e 89 caricatori di opportunità.

Sono stati costruiti tre nuovi depositi dedicati agli autobus a zero emissioni. Abbiamo visitato uno di questi, il deposito di Al Rayyan, a circa 30 km dalla città (ma Mowasalat ha sottolineato che questi veicoli vengono impiegati su percorsi che iniziano vicino alla struttura). C’è spazio per ben 390 e-bus e 190 caricatori. Non il più grande: quello di Lusail, dove è possibile ospitare 478 veicoli.

Credit: Autobus

Yutong E11, coach e minibus schierati in campo

La parte del leone nella nuova flotta di e-bus la fa il modello di autobus urbano Yutong E11, consegnato in 673 unità. È lo stesso modello che viene utilizzato a Bergen, in Norvegia. La configurazione adottata a Doha soddisfa gli standard europei. Oltre all’E11 sono in funzione anche 60 minibus elettrici e 60 pullman elettrici. I primi sono utilizzati nelle aree residenziali per il primo e l’ultimo miglio verso le stazioni della metropolitana e degli autobus, i secondi, venduti anche in Europa con il nome di TCe12, sono utilizzati per il trasferimento dei tifosi allo stadio e saranno impiegati, dopo la Coppa del Mondo, sulle tratte interurbane.

La transizione della flotta dMowasalat


La flotta di autobus Mowasalat è composta da circa 3.050 autobus. I 900 e-bus costituiscono circa il 30% della flotta dell’azienda di trasporto pubblico di proprietà dello Stato. Mowasalat gestisce anche circa 170 autobus a metano. Nel deposito di Lusail è stata installata una produzione di energia solare da 5 MW. Ad Al Rayyan i veicoli vengono caricati con l’elettricità proveniente dalla rete, quindi facendo affidamento sul mix energetico del Qatar (circa l’85% generato da combustibili fossili, principalmente gas). Entro il 2030, il Qatar ha fissato l’obiettivo di ottenere il 20% dell’energia dall’energia solare, insieme ad altri ambiziosi obiettivi di sostenibilità inclusi nella strategia Qatar Vision 2030.

Credit: Autobus

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Un po’ funivia, un po’ bus: viaggio alla scoperta di ConnX

Ha superato con successo l’articolata fase di test e tra un anno sarà definitivamente pronto per fare il suo ingresso nel mercato. L’annuncio è stato dato nei giorni scorsi a Vancouver sul palcoscenico più importante del settore, il congresso mondiale dei trasporti a fune: ConnX, la rivoluzione ecol...