Y.Share e la gestione delle flotte di tpl. Massimizzare l’efficienza tramite il digitale

Ottimizzare la gestione delle flotte di tpl è un’azione chiave per ridurre i costi e contribuire a ridurre l’impatto ambientale. In quest’ottica, la startup Y.Share è attiva da anni per offrire ai propri clienti, siano essi costruttori oppure operatori di tpl, servizi in grado di avviare un processo di digitalizzazione delle attività.

In particolare, l’azienda offre una piattaforma Hw/Sw integrata, impreziosita da algoritmi brevettati per l’analisi e il miglioramento dello stile di guida e l’analisi dei dati per manutenzione preventiva e predittiva.

In occasione della tappa del Mobility Innovation Tour in programma per il 6 dicembre a Bologna, Y.Share comunica inoltre di aver stretto un dialogo importante con la padrona di casa, la Tper di Bologna che è da sempre leader nella gestione del parco veicolare e innovatrice del settore.

gestire flotte tpl

fonte: Apam Mantova

Y.Share ed E-Novia, la fabbrica di imprese

Y.Share è una startup nata nel contesto di E-Novia, la “fabbrica di imprese” con sede in via San Martino a Milano che convoglia investimenti privati in progetti imprenditoriali. Sono 31, Y.Share compresa, le startup sotto l’ombrello di E-Novia, che lavora principalmente in partnership con università ed enti di ricerca e ha chiuso il 2018 con un valore di produzione di oltre 8,4 milioni e ricavi in crescita del 51 per cento rispetto al 2017. Vi lavorano giovani professionisti con un’età media inferiore ai trent’anni. Giusto per fornire qualche cifra indicativa.

Trasporto pubblico verso la transizione energetica

Ed è il trasporto pubblico, e in particolare la gestione delle flotte di tpl, l’area verso cui si indirizza Y.Share. Un settore che sta rispondendo con vigore alle problematiche legate all’inquinamento, avviando di fatto una transizione energetica imponente e complessa.

Le istituzioni, le aziende esercenti il tpl, i fornitori sia di bus che di tecnologie e non ultimi gli utenti, siamo tutti chiamati a dare il nostro contributo che seppur limitato, assommato a quello di tutti gli altri, può raggiungere un grandissimo obiettivo di sostenibilità.

y.share monitoraggio flotte autobus

Gestire una flotta autobus: un mosaico di alimentazioni

Entrando più nello specifico della questione e analizzando le caratteristiche del parco veicolare di una qualsiasi azienda di tpl, è noto come si possano riscontrare eterogeneità importanti, conseguenza di una transizione energetica ormai avviata ma che richiederà molto tempo per essere conclusa.

Utilizzando poi una lente di ingrandimento per meglio studiare il dettaglio del parco autobus, ai diesel classici e filobus, si sono aggiunti nel tempo mezzi a metano Cng (anche in declinazione biometano) e sono in arrivo i primi Lng. Campeggiano nelle flotte i primi autobus full electric a batteria e ad idrogeno, nonché ibridi di diversa declinazione.

Y.Share e la gestione delle flotte di tpl

Come allineare dunque la gestione di flotte di tpl così eterogenee senza dotarsi di molti strumenti non integrati fra loro? Y.Share ha messo in campo da diversi anni una risposta concreta a questo bisogno, offrendo una piattaforma Hw/Sw integrata e integrabile con sistemi preesistenti, che tra i vari asset contempla degli algoritmi brevettati per l’analisi ed il miglioramento dello stile di guida (indipendente dal tipo di alimentazione) e l’analisi dei dati per la manutenzione preventiva e predittiva, argomenti d’attualità che consentono alle aziende clienti di gestire al meglio questo periodo di transizione rispondendo con numeri incredibili.

y.share gestione flotte trasporto pubblico

fonte: Apam Mantova

Y.Share: ottimizzare le flotte di autobus… conviene

Nel solo 2018 infatti, fa sapere Y.Share, le aziende clienti che utilizzano queste tecnologie di gestione delle flotte di tpl e si impegnano con altre azioni più o meno dirette nell’ottimizzazione del parco bus, hanno certificato un risparmio di 6,5 milioni di litri di gasolio pari a 17 milioni di Kg di CO2 non emessa nell’ambiente, insomma è stato come aver ripiantato una piccola foresta.

2019-12-02T09:31:51+00:001 Dicembre 2019|Categorie: IN VETRINA|

Iscriviti alla Newsletter

* campo obbligatorio