CTM non poteva festeggiare meglio i 70 anni di servizio filoviario a Cagliari, attivo dal 22 dicembre 1952, confermando ancora una volta la base della propria politica: attenzione all’ambiente, mobilità sostenibile, decongestionamento. Obiettivo: convincere un numero ancora maggiore di cittadini a utilizzare il servizio pubblico piuttosto che l’auto privata, che comporta sempre problemi di viabilità e di difficoltà per il parcheggio.  Un servizio competitivo deve essere veloce ed affidabile, con la sicurezza dei tempi di attesa e dei tempi di percorrenza, che devono essere necessariamente molto bassi,  e deve effettuato con mezzi di ultima generazione ad emissioni zero. La nuova linea QEX – Quartu Express, inaugurata il 14 settembre 2022,  rispetta in toto tali caratteristiche.

La  linea QEX – Quartu Express, collega il centro di Cagliari, piazza Matteotti,  con Quartu Sant’Elena, via Brigata Sassari, e ha 20 fermate intermedie. Un servizio veloce, che utilizzerà  le corsie preferenziali di via Marconi e viale Dante e che verrà  svolto esclusivamente con filobus, quindi in modalità elettrica e sostenibile.

CTM possiede tra l’altro una delle flotte filoviarie più giovani d’Europa, composta da 18 Solaris Trollino e da 14  Van Hool A 300 T, mezzi a due assi costruiti tra il 2012 ed il 2016. Di questi, 6 sono dotati, primi in Italia, di pacchi batterie al litio, al posto del motogeneratore, e della tecnologia In Motion Charging, che consente la ricarica progressiva delle batterie sotto rete e la possibilità di svolgere il servizio in marcia autonoma per almeno 20 km. È stato così possibile ritornare al Poetto in modalità elettrica ed è stato ripristinato il servizio filoviario la domenica ed i giorni festivi.
Sulla QEX saranno utilizzati  i filobus già dotati di batteria (con il supporto di altre due unità per coprire i turni), e per l’occasione dotati di nuova e piacevole livrea bianca ed azzurra, già adottata sui minibus elettrici di ultima generazione, in servizio da qualche mese.

La linea può essere assolutamente considerata come BRT (Bus Rapid Transit), un servizio veloce, che utilizza corsie riservate in viale Marconi e viale Dante, e che abbatte i tempi di percorrenza.  

Importante il programma di esercizio, con le prime corse  in partenza alle 3.55 da piazza Matteotti ,  alle 4.23 da Quartu e le ultime corse in partenza da Cagliari alle 22.55 e alle 23.12 da Quartu,  dal lunedì al sabato; la frequenza sarà di soli 8 minuti dalle 7 alle 21. Il percorso verrà coperto in 25 minuti e verranno utilizzati 8 filobus; è già previsto, in fase di progetto della linea, l’utilizzo di nuovi filobus da 18 metri, con una frequenza ancora minore. La vecchia linea 31 è soppressa , rimane in esercizio la linea 31R il sabato ed i festivi. La linea 30, invece, rimodulerà il servizio solo nella tratta di ritorno da Quartu a Cagliari,  passando ora per Quartucciu e Selargius.

La nuova linea non ha richiesto lavori aggiuntivi e cantierizzazioni e i tempi di percorrenza ridotti sono sicuramente concorrenziali con il mezzo di trasporto privato.

Soddisfatto il sindaco di Cagliari e della Città Metropolitana, Paolo Truzzu: «L’obiettivo per la città metropolitana è quello di fornire un servizio pubblico veloce e affidabile: questa linea con otto minuti di frequenza rispetta questa necessità, nonché – aggiungo – permette a tanti cittadini di abbandonare la vettura privata e risparmiare sui costi del carburante, oltre che evitare traffico e inquinamento che sta portando a risultati climatici evidenti.  Mi auguro che tutto il lavoro di programmazione che stiamo facendo come Amministrazione metropolitana e comunale e attraverso la nostra società CTM porti alla consapevolezza di un futuro per le nostre città sempre più connesso con la smart mobility anche attraverso la modalità condivisa».

L’Assessora della mobilità di Quartu Sant’Elena Barbara Manca sottolinea la maggiore facilità di scelta per il cittadino, che ora può utilizzare un servizio veloce e presente per almeno 20 ore al giorno: «Più rapidità nella copertura del percorso e un incremento del servizio in termini di orario. Due ottime novità per i cittadini di Quartu, nell’ottica di una migliore funzionalità del servizio pubblico di trasporto. Con la nuova linea la città cresce dal punto di vista della mobilità e anche per ciò che concerne la sostenibilità ambientale. Riteniamo infatti che la riduzione dei tempi d’attesa del filobus, nonché la rapidità con cui sarà possibile raggiungere il capoluogo, siano un ottimo incentivo per l’utilizzo dei mezzi pubblici, il che significa utilizzare meno quelli privati e quindi anche decongestionare il traffico. Una piena copertura della giornata è un altro stimolo importante per cambiare un certo tipo di cultura oggi troppo legata all’auto privata. Il cittadino ha ora maggiore facilità di scelta, tenendo conto anche del fatto che l’utilizzo del filobus permette di non doversi preoccupare della ricerca e del costo del parcheggio».

(di Stefano Alfano)

In primo piano

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati

Lightram, iniziate le consegne dei filobus ad alta capacità a Winterthur

Winterthur, città svizzera di 111.800 abitanti, seconda come dimensioni  del Cantone di Zurigo, ha ricevuto il 30 agosto 2022 dalla carrozzeria Hess di Bellach il primo filobus tricassa, modello Lightram 25 di 24 metri di lunghezza. Il veicolo, nella sgargiante livrea bianco-rossa, è già nel deposit...

I nuovi filobus di Bratislava sono firmati Skoda

Bratislava è pronta a modernizzare la sua flotta di filobus. Per farlo, ha incaricato Skoda Transportation Group, che ha vinto due gare d’appalto per la fornitura di 23 filobus bi-articolati e 16 filobus a tre vetture con alta capacità di passeggeri. Il valore dei due ordini è di oltre 29 mili...

Filobus a Verona, una risorsa per il futuro

Il filobus a Verona è alla seconda generazione. Per quarantaquattro anni del secolo scorso, infatti, dal 1937 al 1981, la città veneta, di 257.500 abitanti, patrimonio Unesco, ha beneficiato di una vasta rete filoviaria, con copertura del territorio urbano e di alcuni centri limitrofi. La prima line...