Le organizzazioni sindacali Uiltrasporti, Fit-Cisl e Filt Cgil hanno proclamato uno sciopero di 4 ore per giovedì 18 luglio, che coinvolgerà tutte le lavoratrici e i lavoratori del trasporto pubblico locale a seguito della rottura delle trattative con le associazioni aziendali. La nota della Segreteria generale della Fit-Cisl illustra le motivazioni condivise con le altre organizzazioni sindacali, spiegando le ragioni di questa decisione. Gli orari dello sciopero varieranno da città a città e a seconda delle aziende di trasporto coinvolte, con previsione di fasce di garanzia per garantire alcuni servizi essenziali.

La Fit-Cisl ha evidenziato che il negoziato per il rinnovo del CCNL-Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Autoferrotranvieri Internavigatori (Mobilità tpl) è stato interrotto. Le distanze tra le organizzazioni sindacali e le associazioni datoriali sono risultate insormontabili, nonostante i vari tentativi di mediazione. Questo ha reso inevitabile la proclamazione dello sciopero.

Le richieste dei sindacati

I sindacati hanno cercato ripetutamente di trovare un accordo, ma hanno riscontrato un atteggiamento di chiusura da parte delle associazioni aziendali. Le richieste principali includono:

  • incremento salariale: Adeguamento delle retribuzioni in linea con l’aumento del costo della vita;
  • miglioramento normativo: Revisione della parte normativa del CCNL per favorire una migliore conciliazione dei tempi di vita e di lavoro;
  • sicurezza sul lavoro: identificazione di soluzioni per contrastare il fenomeno delle aggressioni ai lavoratori del settore.

Il ruolo strategico del tpl

La nota prosegue sottolineando che il trasporto pubblico locale è un asset strategico per il sistema Paese, garantendo un servizio essenziale per la collettività. Tuttavia, il settore è afflitto da fragilità strutturali che ne ostacolano il pieno rilancio. La Fit-Cisl riassume i principali punti critici:

  • frammentazione e costi: un’eccessiva e costosa frammentazione del settore richiede una riforma che crei campioni nazionali in grado di razionalizzare i costi operativi e migliorare gli standard di sicurezza e qualità;
  • concorrenza e sostenibilità: elevare gli standard di sostenibilità per competere in un mercato aperto alla concorrenza da anni;
  • carenza di autisti: la mancanza di autisti rischia di compromettere la regolare attività dei mezzi, con conseguenze negative per l’intero sistema.

L’Importanza del rinnovo del CCNL

Il rinnovo del CCNL, scaduto a dicembre 2023, assume una valenza cruciale. Le Organizzazioni Sindacali si auspicano un netto cambio di passo da parte delle associazioni datoriali, tra cui Agens, Anav e Asstra. Le rivendicazioni sindacali non riguardano solo i lavoratori, ma anche gli utenti del servizio di trasporto pubblico locale. Garantire un servizio efficiente e sicuro è essenziale per raggiungere gli obiettivi di sviluppo previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Solo attraverso un impegno congiunto delle parti sarà possibile superare le attuali criticità e rilanciare il settore.

di Gianluca Celentano, conducente bus

In primo piano

Siemens, tutte soluzioni per l’e-mobility

Siemens Smart Infrastructure è stata tra i protagonisti dell’edizione 2024 di NME – Next Mobility Exhibition, a Milano, dall’8 al 10 maggio. Soluzioni personalizzate per l’elettrificazione, infrastrutture di ricarica adatte a tutte le esigenze e soluzioni software e IoT per ottimizzare la gest...

Articoli correlati

Wayla, la startup che porta il trasporto on-demand (e condiviso) a Milano

Si scrive “Wayla”, ma si legge “uei là”, alla milanese, per intenderci. E proprio a Milano Wayla farà il proprio debutto a ottobre, lanciando un servizio di trasporto su richiesta, in sharing, che conterà inizialmente su una mini flotta di cinque mezzi, Fiat Ducato allestiti da Olmedo e a motorizzaz...
News