Il piano per la decarbonizzazione e l’ammodernamento della flotta di autobus destinati al trasporto pubblico locale della città di Catania è iniziato nel 2019 e si concluderà nel 2033. In questi primi cinque anni la città alle pendici dell’Etna ha rinnovato il parco mezzi con diversi autobus a metano, ma sono arrivati anche i primi elettrici. E nel prossimo futuro arriveranno anche quelli a idrogeno, che come i “fratelli” a emissioni zero necessitano di apposite infrastrutture di rifornimento.

Negli ultimi giorrni il sindaco di Catania Enrico Trantino ha convocato un tavolo tecnico per affrontare la transizione green del tpl, ovvero il graduale passaggio dai vecchi veicoli a combustione interna ai nuovi mossi a batteria e dalla tecnologia H2. Ricordiamo come grazie al Pnrr siano stati stanziati 78 milioni di euro al Comune siciliano per l’acquisto di cento autobus elettrici e dieci a idrogeno. Secondo la road map, nel 2026 la flotta Amts – il gestore del tpl in città – sarà stata completamente rinnovata e si troverà a fare affidamento solo mezzi elettrici a basse e zero emissioni, per un totale di 236 torpedoni.

La transizione green del tpl di Catania

Al momento Amts ha già ricevuto i primi elettrici targati Solaris e Karsan (peraltro i primi e-Atak del costruttore turco in Italia). A fine 2023 l’operatore ha ordinato 42 Urbino Electric, 30 da 12 metri di lunghezza e 10 autosnodati da 18 metri alla casa polacca, mentre questa primavera sono state inaugurate le prime infrastrutture di ricarica destinate agli urbani a batteria.

Potrebbe interessarti

Da sottolineare, lato H2, come è in fade di edificazione a Belpasso, in provincia di Catania, il primo impianto siciliano  per la produzione di idrogeno verde, a cura del Gruppo Eneron. Il sito dovrebbe, che dovrebbe entrare in funzione tra la fine del 2025 e i primi mesi del 2026, eavrà una capacità di circa 850 tonnellate l’anno di H2.

In primo piano

Energy Mobility Solutions, la bussola di Iveco Bus per guidare i clienti verso la transizione energetica. L’intervista a Federica Balza, Sales Infrastructure Engineer

Si chiama Energy Mobility Solutions ed è il modello di business per la mobilità elettrica messo a punto da Iveco Bus per supportare gli operatori nella transizione energetica, offrendo una soluzione chiavi in mano su misura, dalla progettazione dei veicoli e delle relative installazioni alla loro re...

Siemens, tutte soluzioni per l’e-mobility

Siemens Smart Infrastructure è stata tra i protagonisti dell’edizione 2024 di NME – Next Mobility Exhibition, a Milano, dall’8 al 10 maggio. Soluzioni personalizzate per l’elettrificazione, infrastrutture di ricarica adatte a tutte le esigenze e soluzioni software e IoT per ottimizzare la gest...

Articoli correlati