_DSC9287D

Scarso ricorso a gare d’appalto, liberalizzazione del settore mai effettuata, imprese troppo piccole e incapaci di fare sistema: il parere dell’Antitrust sul tpl italiano si traduce in una vera e propria stroncatura. A metà giugno l’Autorità ha pubblicato la sua indagine conoscitiva sul settore. Il quadro è quello di una realtà agli antipodi rispetto ai concetti europei di qualità e concorrenza. «L’industria italiana del tpl», inizia il rapporto, «soffre da tempo di criticità, che hanno portato al progressivo e inesorabile scadimento dell’offerta e dell’efficienza». Tra i servizi di interesse generale, «il tpl è il settore con i peggiori indicatori economici patrimoniali». Nonostante i vantaggi dell’affidamento tramite gara, in Italia continua a sussistere una «schiacciante predominanza degli affidamenti diretti». Assai elevata l’evasione tariffaria (19 per cento in urbano, 23 per cento in extraurbano). Unica eccezione Busitalia, unico operatore nazionale che riesce a perseguire una politica di crescita esterna.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Articoli correlati