otokar

Con la consegna di due autobus inizia ufficialmente lo sbarco di Otokar nel Regno Unito e in Irlanda. Saranno infatti un Navigo T da 8,39 metri e 37 posti a sedere e un Vectio C da 9,63 metri – entrambi mossi da un Cummings ISB4.5 Euro 6 che lavora in tandem con una trasmissione Allison 2200 – ad aprire la strada ai bus turchi in terra inglese. Otokar continua, così, l’avanzata sul mercato europeo. Solo nel 2014 il costruttore turco ha infatti consegnato 144 autobus in Francia e per l’anno corrente si prevede volumi analoghi. Anche in Italia sembra splendere il sole. Le immatricolazioni per il 2015 si dovrebbero chiudere in linea con l’anno passato (attorno ai 45 autobus) mentre per il 2016 ci si aspetta un vero e proprio ‘boom’ in quanto verranno conteggiati i 60 autobus di Napoli.  I primi passi all’estero sono quindi già stati fatti, basti pesare che dei 2500 bus prodotti ogni anno circa 400 escono dai confini nazionali per essere esportati. Ed è proprio sull’export che Otokar vuole spingere, date le buone prospettive di ripresa del mercato europeo.

In primo piano

Siemens, tutte soluzioni per l’e-mobility

Siemens Smart Infrastructure è stata tra i protagonisti dell’edizione 2024 di NME – Next Mobility Exhibition, a Milano, dall’8 al 10 maggio. Soluzioni personalizzate per l’elettrificazione, infrastrutture di ricarica adatte a tutte le esigenze e soluzioni software e IoT per ottimizzare la gest...

Articoli correlati

Wayla, la startup che porta il trasporto on-demand (e condiviso) a Milano

Si scrive “Wayla”, ma si legge “uei là”, alla milanese, per intenderci. E proprio a Milano Wayla farà il proprio debutto a ottobre, lanciando un servizio di trasporto su richiesta, in sharing, che conterà inizialmente su una mini flotta di cinque mezzi, Fiat Ducato allestiti da Olmedo e a motorizzaz...
News