Genova sarà la prima città in Italia ad avere una linea flash charging cittadina operante prima della fine del 2025.

Hitachi Energy si è aggiudicata un ordine da Colas Rail Italia, leader nelle infrastrutture ferroviarie, per la fornitura del sistema di ricarica Grid-eMotion per la linea Val Bisagno, una delle quattro linee di forza del progetto ‘4 Assi di Forza’ della città di Genova

Hitachi Energy ha vinto il contratto per l’infrastrutture di ricarica

I 34 nuovi e-bus che opereranno sulla linea della Val Bisagno utilizzeranno due diverse tecnologie di ricarica Grid-eMotion di Hitachi Energy.

L’accordo si inserisce nel piano del Comune di Genova di elettrificare completamente il trasporto pubblico entro il 2025, introdurre autobus elettrici (e-bus) per ridurre l’uso di veicoli privati e aumentare l’uso di mezzi pubblici, attraverso un sistema di mobilità efficiente, efficace, sicuro ed affidabile anche grazie a più del 70% di corsie riservate e protette unitamente alla tecnologia di preferenziamento semaforico.

Il governo italiano ha stanziato 471 milioni di euro tra rinnovo del parco mezzi, opere infrastrutturali e rinnovo delle rimesse attrezzate per ricariche elettriche per l’ammodernamento del sistema di trasporto della città di Genova, al fine di ridurre le emissioni di carbonio e promuovere una migliore qualità della vita.

Hitachi Energy per i quattro assi di forza

In soli cinque minuti, la tecnologia di ricarica ultraveloce Grid-eMotion Flash ricaricherà gli autobus presso i quattro capolinea serviti dalle due stazioni di alimentazione Terminal Feeding Stations (TFS) distribuite lungo il percorso, il tutto senza incidere sugli orari e sulla velocità del servizio di trasporto. Utilizzando un pantografo intelligente collocato sul tetto che collega autonomamente e automaticamente il TFS all’apparecchiatura di ricarica e alle batterie, anch’esse collocate sul tetto, i nuovi autobus potranno massimizzare la superficie totale disponibile per i passeggeri. Questo sistema garantisce una capacità fino a 1.500 passeggeri all’ora, per direzione. Senza la necessità di posare cavi aerei, la tecnologia flash charge sarà implementata con il minimo impatto e la massima flessibilità dal punto di vista dell’infrastruttura di alimentazione.

In deposito, il sistema Grid-eMotion Fleet alimenterà 34 autobus, durante la notte e i periodi di sosta prolungata. Gli autobus saranno collegati a bassa potenza tramite una presa del sistema di ricarica combinato (CCS2) per garantire che le batterie rimangano in buone condizioni, aumentandone la durata. Il design compatto del sistema aiuta a ottimizzare lo spazio nell’area urbana.

“Siamo lieti di collaborare con Colas Rail Italia per fornire alla città di Genova soluzioni uniche e innovative per elettrificare gli autobus e modernizzare il trasporto pubblico con veicoli più efficienti e senza emissioni”, ha dichiarato Filippo Passante, Grid Integration Operating Unit Manager di Hitachi Energy in Italia. “L’elettrificazione del sistema di trasporto pubblico può contribuire a ridurre le emissioni di carbonio, il traffico e l’inquinamento acustico nell’area metropolitana, contribuendo a migliorare la qualità della vita dei cittadini. Come leader tecnologico all’avanguardia, collaboriamo con clienti e partner per consentire un futuro energetico sostenibile, per le generazioni di oggi e per quelle future”.

“Abbiamo scelto di proporre a Genova la soluzione di ricarica flash di Hitachi Energy in quanto è la migliore tecnologia in grado di far funzionare la linea anche in modalità degradata, come richiesto dalle specifiche dell’operatore del trasporto pubblico”, ha dichiarato Giuseppe Ghilardi, Amministratore Delegato di Colas Rail Italia.

In primo piano

Siemens, tutte soluzioni per l’e-mobility

Siemens Smart Infrastructure è stata tra i protagonisti dell’edizione 2024 di NME – Next Mobility Exhibition, a Milano, dall’8 al 10 maggio. Soluzioni personalizzate per l’elettrificazione, infrastrutture di ricarica adatte a tutte le esigenze e soluzioni software e IoT per ottimizzare la gest...

Articoli correlati

Wayla, la startup che porta il trasporto on-demand (e condiviso) a Milano

Si scrive “Wayla”, ma si legge “uei là”, alla milanese, per intenderci. E proprio a Milano Wayla farà il proprio debutto a ottobre, lanciando un servizio di trasporto su richiesta, in sharing, che conterà inizialmente su una mini flotta di cinque mezzi, Fiat Ducato allestiti da Olmedo e a motorizzaz...
News