La transizione energetica nel trasporto pubblico ha raggiunto una dimensione irreversibile sotto la spinta normativa cui l’industria ha fatto fronte, fornendo prodotti maturi per il vasto ed eterogeneo mercato cui si riferisce.

Non solo regole, ma anche finanziamenti ah hoc per quelle tipologie – elettrico e fuel cell in primis – ritenute meritevoli di tali attenzioni: la conseguenza è quella di vincolare il mercato a determinate tecnologie, imponendo agli operatori scelte coraggiose.

È il cambio di paradigma: non più sostituzione di veicoli – il cui tasso non potrà essere uno a uno, ma scelta di sistema con impatti su territorio, rimesse e impianti, processi produttivi aziendali e anche sull’esercizio.

La stessa industria di settore sta strutturando le proprie proposte in chiave sistemica, consapevole della complessità del mercato la cui segmentazione in Classe I e II appare persino una grossolana semplificazione rispetto alle necessità operative delle aziende di tpl.

E così elettrico è diventato l’emblema della transizione energetica nel tpl e le infrastrutture di ricarica sono lo strumento per garantirne il funzionamento: è quindi necessario aprire la stagione delle gare puntando su tecnologie mature.

La seconda tappa del Mobility Innovation Tour si pone l’obiettivo di porre al centro del dibattito il complesso tema della transizione verso l’elettrico, anche in relazione ai gravi avvenimenti internazionali.

IL PROGRAMMA

INTRODUZIONE

  • Carlo Carminucci, Direttore della Ricerca ISFORT
  • Riccardo Genova, Dipartimento DITEN – Università degli Studi di Genova

LE ESPERIENZE ITALIANE: RICARICA DI E-BUS DA IMPIANTO FISSO

  • Bruno Useli, Direttore Generale CTM Cagliari
  • Carlo Fusco, Responsabile Ingegneria e Manutenzione ANM Napoli

LE PROPOSTE DELL’INDUSTRIA

  • Riccardo Cornetto, Direttore After Sales di Solaris
  • Giovanni Tosi, Product Marketing MAN
  • Gianni Ripullone, Sales Manager Rampini
  • Paolo Gigante, Bus market engineer ZF
  • Francesco Golia, Regional Director Southern Europe Optibus

In primo piano

Citymood 12e, il tour-test su e giù per lo Stivale è un successo

Mancavano una manciata di settimane alla fine del 2021 quando, in quel di Flumeri, Industria Italiana Autobus lanciava il primo elettrico di casa. Il nome di battesimo? Citymood 12e, di fatto il primo ebus interamente progettato e realizzato in Italia. Una novità tutta made in Italy ben accolta dal ...

Quando il biglietto è intelligente è Pratic(k)o

Il gioco di parole è servito su un piatto d’argento. Un software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato: una soluzione pratica, o meglio, in un sola parola…Praticko. Stiamo parlando del progetto della software house e system integrator ...

Articoli correlati