di Gianluca Celentano (conducente bus)

In vari contesti lavorativi, gli “Yes Man” vengono visti come una garanzia. Chi sono gli Yes Man? Si tratta di quelle persone che tendono a dire sempre di sì, accogliendo  le richieste, i pareri e le decisioni dei propri superiori, senza esprimere dissenso o opinioni contrarie. Ne conoscete qualcuno?

Si sgretolano le roccaforti dei lacchè

Spesso sono soprannominati dai colleghi con termini coloriti, ma una cosa è sicura: hanno molti meno problemi sul lavoro rispetto a chi propone alternative, anche se di buon senso. La spontaneità del loro comportamento è spesso molto imbarazzante e forse legata alla formazione culturale e sociale dell’individuo. Sia nelle piccole realtà del noleggio, sia nelle grandi aziende del trasporto pubblico locale, questi adulatori sono le figure che offrono più garanzie e forse quelle più indicate da assumere?

Potrebbe interessarti

Il problema si sposta sul resto degli autisti, quelli che credono nel confronto come strumento di miglioramento e ritengono legittimo sottolineare le anomalie per ottimizzare il servizio. Oggi, con la motivazione dei conducenti in calo, è necessario considerare che questa ben collaudata (e comoda) tipologia di persone ha contribuito all’allontanamento dalla professione di autisti non disposti a sottostare a un clima soffocante. La cultura della trasparenza, dell’informazione e, soprattutto, della giustizia sta prendendo il sopravvento.

Commisurata leadership e inclusione

È comunque necessario mostrarsi collaborativi per non apparire presuntuosi, dosando la propria disponibilità in base alla situazione; questa è una regola di buon senso che si adatta bene anche al comparto del noleggio e del tpl. Le capacità di leadership sono naturali, ma diverse teorie riportano che un team composto in prevalenza da adulatori rallenta l’innovazione di un’azienda e comporta costi maggiori. La mancanza di pensiero critico, la resistenza al cambiamento, l’assenza di sfide costruttive e la cattiva informazione giocano un ruolo cruciale sulla motivazione del personale. Il tema del merito è generalmente più riconosciuto nelle realtà private, che si mantengono attive grazie alle capacità di una squadra di autisti. Nelle ormai superate realtà pubbliche, dove i bilanci potevano non quadrare, merito e capacità potevano essere scomodi, o peggio, creare fastidio a qualche “prescelto”. Questo è uno dei motivi per cui alcuni conducenti non sono graditi in certe aziende. Parlare di vera inclusione passa anche da questa metamorfosi.

Merito come cura alla frustrazione

La piattaforma americana Ezra, braccio formativo e virtuale di Adecco, sostiene che un’azienda coinvolta in fenomeni di sottomissione delle idee è più soggetta al turnover dei dipendenti. Questo perché i soggetti più meritevoli comprendono l’aria che tira e preferiscono abbandonare un gruppo piuttosto che diventare adulatori di qualcuno o di un sistema.

La frustrazione, magari di chi non riesce ad allontanarsi, è uno di quegli argomenti su cui varrebbe la pena aprire un dibattito. Per ora, è una delle realtà, o meglio una delle cause, della emorragia di autisti che forse si finge di non vedere; forse perché fa ancora comodo?

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Articoli correlati

BLOG / Crisi conducenti, patenti Ue e classe dirigente

L’argomento è davvero molto rilevante e problematico, soprattutto per le microimprese con meno di 10 dipendenti, che la crisi dei conducenti sta mettendo seriamente in difficoltà, con il rischio di chiusura. La questione riguarda le patenti, ma è necessario fare prima un passo indietro per aff...
Blog

Fiat Iveco 421A, quando il bus diventa leggenda

Tra i numerosi autobus che ho guidato nel mio percorso con il trasporto pubblico locale, ce n’è uno che rimane particolarmente impresso nei miei ricordi: il Fiat Iveco 421A, seppur anche con l’U-Effeuno ci siano ricordi interessanti. Non posso dimenticare quei lunghi tragitti da Lambrate a Piazza Sa...