Schermata 2016-05-04 alle 22.12.14

Atm Milano ha pubblicato i dati di bilancio relativi al 2015 da cui emergono risultati piu che positivi: l’utile netto ha toccato quota 10,8 milioni di euro, triplicando le performance dell’anno precedente, il margine operativo lordo è stato pari a oltre 126 milioni di euro con una crescita del 25%, mentre i risultati del Gruppo sono quintuplicati a 25,8 milioni di euro. Guardando in dettaglio i dati pubblicati, spicca inoltre il valore della produzione del Gruppo che supera il miliardo di euro, registrando un incremento del 9,8% sul 2014. Nel corso del 2015 i costi operativi sono stati pari a 892.936 mila euro, in aumento del 6,1%, mentre il patrimonio netto ha raggiunto i 923,6 milioni di euro. Risultati positivi resi possibili anche dalle ottime performance registrate dalla partecipata danese Metro Service A/S, che si è da poco aggiudicata la vittoria della gestione delle due nuove linee metropolitane. Dalla vendita dei biglietti Atm ha invece raccolto 423 milioni di euro, finanziando così al Comune di Milano oltre il 54% del corrispettivo del contratto di servizio. Con i flussi eccezionali durante il semestre di Expo, Atm è riuscita a garantire una maggiore regolarità del servizio, un minor numero di guasti e un’accresciuta soddisfazione degli utenti. Gli ottimi dati hanno permesso inoltre all’azienda di varare un nuovo piano di finanziamento per l’ammodernamento della flotta sia su ferro che su gomma (in arrivo 10 nuovi bus elettrici e 80 mezzi da 18 metri) e l’assunzione di nuovo personale.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati