Schermata 2016-06-06 alle 23.08.19

Per arginare il calo dei passeggeri – che lo scorso anno è stato di 5 milioni e 770mila – ma contemporaneamente abbassare i costi e, presumibilmente, aumentare la qualità del servizio, Amt ha deciso di dare ai privati la gestione di alcune linee ritenute poco profittevoli. Si tratta di 20 linee che dovrebbero far risparmiare all’azienda di trasporto pubblico di Genova fino a 600 mila euro all’anno. Il bando per l’affidamento, delle durata di sei anni allungabili a sette, è stato pubblicato nei giorni scorsi ed è suddiviso in tre lotti. Nel complesso, passeranno ai privati entro il prossimo autunno circa 722 mila chilometri, distribuiti sull’intero bacino genovese, che riguardano le linee secondarie e quelle con meno passeggeri. Tra le ragioni che hanno spinto Amt a esternalizzare parte del servizio figurano anche i costi del contratto di secondo livello, che incidono in modo più marcato rispetto a realtà di dimensioni più ridotte.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati