Uno studio inedito al webinar di venerdì sul ruolo del gas nel tpl di domani

Quale sarà il ruolo del gas (Cng ed Lng) nel trasporto pubblico di domani? Qual è lo stato dell’arte nell’impiego di trazioni alternative sul panorama italiano? Pro e contro delle diverse catene cinematiche?

Ne parleremo venerdì alle 14.30 nell’ambito di un webinar volto a tratteggiare sviluppi e tendenze relative ai combustibili alternativi nello scenario post Covid-19. Con focus sul gas naturale. La conferenza digitale sarà impreziosita dalla presentazione di uno studio inedito firmato dal professor Riccardo Genova (del dipartimento DITEN dell’università di Genova) e intitolato “Il gas naturale nel tpl”.

CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IL PROGRAMMA DEL WEBINAR

Alla conferenza prenderanno parte il presidente di Federmetano Licia Balboni e il vertice di Ngv Mariarosa Baroni. In apertura interverrà Marco Medeghini, direttore generale del gruppo Brescia Mobilità, tra le realtà italiane che hanno maggiormente posto l’accento sull’impiego del gas nel tpl. Per il comparto industriale, interverranno Anfia, Iveco Bus, Italscania e Industria Italiana Autobus.

L’appuntamento ‘Combustibili alternativi nello scenario post Covid-19. Il punto sul gas naturale‘ si inserisce nella cornice del Mobility Innovation Tour, rassegna di appuntamenti promossa dalla casa editrice Vado e Torno su temi connessi al binomio di trasporto pubblico e innovazione, quest’anno per forza di cose convertito in modalità digitale.

Il metano: alternativo e sostenibile, oltre che flessibile

Volendo anticipare qualche elemento dell’indagine, «il metano rappresenta oggi il segmento ‘alternativo e sostenibile’ che meglio è in grado di coprire tutti i settori del tpl su gomma utilizzando autobus direttamente derivati da quelli tradizionali, minimizzando così le soggezioni rispetto a gap tecnologici, impiantistici ed operativi – vi si legge -. I veicoli a metano, conservando sostanzialmente le prestazioni di quelli alimentati a gasolio, presentano emissioni drasticamente ridotte e rappresentano in Italia il 28% del parco circolante». Concetti che saranno espressi con maggior grado di dettaglio venerdì pomeriggio. E non mancherà lo spazio per le domande, che potranno essere inviate durante la diretta (o anche prima, se qualcuno volesse portarsi avanti…) all’indirizzo mail [email protected].

Brescia Mobilità, leader nella mobilità a gas

Brescia rappresenta un esempio d’eccellenza per quanto riguarda l’impiego di autobus a gas: a partire da metà 2018, il 100 per cento dei chilometri percorsi nell’area urbana dai bus di Brescia Trasporti viene coperto con veicoli alimentati a gas naturale compresso (Cng), esito di un percorso di transizione e diversificazione dei sistemi di trazione iniziato nel lontano 2001. Esperienza che sarà illustrata da Medeghini in apertura del webinar di venerdì.

Tra metano ed elettrico, serve valutazione attenta

Certo, oggi il bus elettrico rappresenta la scelta prediletta per aziende incamminate verso la ‘transizione energetica’, per lo meno in ambito urbano. Tuttavia, «autonomia rapportata ai profili di missione, costo del ciclo di vita e disponibilità delle fonti energetiche sono alcuni degli elementi che incoraggiano la ricerca e lo sviluppo nel settore dei “combustibili alternativi” con veicoli caratterizzati da elevati livelli prestazionali ed emissioni ridotte o localmente nulle», precisa il professor Genova.

2020-05-28T14:35:26+02:0026 Maggio 2020|Categorie: AUTOBUS NEWS, MOBILITY INNOVATION TOUR|

Iscriviti alla Newsletter

* campo obbligatorio