Un milione e duecento mila euro per elettrificare la flotta di mezzi per il trasporto pubblico su gomma di Caserta. Il comune campano è stato infatti inserito nella graduatoria dei progetti ammessi al finanziamento del Ministero della Transizione Ecologica per la “Promozione del Trasporto Scolastico Sostenibile.

Nello specifico, Caserta si è aggiudicata 1.244.7660,00 euro per un progetto presentato lo scorso aprile, su proposta degli assessori Adele Vairo ed Emiliano Casale, e che prevede il rafforzamento di due linee di trasporto scolastico sostenibile attraverso l’ausilio di bus elettrici che serviranno gli istituti scolastici cittadini.

Secondo lo studio di fattibilità approvato dalla Giunta ed inviato al Ministero competente, entrambi i percorsi avranno come punto di partenza comune l’area antistante la stazione ferroviaria, dove sarà collocara la colonna di ricarica rapida dei mezzi. La linea 1 avrà come capolinea di arrivo la sede della scuola primaria a tempo pieno dell’Istituto Comprensivo Giannone-De Amicis, in via G.M. Bosco; il percorso si snoderà nel centro cittadino per circa 15 chilometri, tra andata e ritorno e saranno installate tre pensiline per soste intermedie e numerose paline come punti di fermata autobus.

La liinea 2, invece, avrà come capolinea d’arrivo la sede dell’Istituto Comprensivo Ruggiero III Circolo di via Montale, attraversando il quartiere Acquaviva, l’area ex Saint Gobain e parte del territorio confinante di Nan Nicola la Strada.

Il tracciato del percorso totale è di circa 14,5 chilometri. Prevista l’installazione di pensiline e paline di fermata bus; il progetto prevede anche alcune nuove soluzioni tecnologiche come la possibilità di fruire, per gli studenti e le loro famiglie, di un’applicazione utile a verificare in tempo reale il percorso del bus.

Il sindaco di Caserta, Carlo Marino, ha così commentato il progetto: «Prosegue il percorso avviato ormai da tempo verso una città più moderna e green, nella quale le auto lasceranno via via sempre più spazio ai mezzi elettrici, alle biciclette e ai pedoni. Ringrazio il Ministero della Transizione Ecologica per il finanziamento e per aver dato fiducia a un’amministrazione che ha puntato con decisione a una svolta ecologica e sostenibile per la città. Per quanto riguarda il progetto voglio sottolineare che sono stati individuati due istituti come punti d’arrivo delle due nuove linee, ma che i percorsi sono stati tracciati per servire numerose scuole cittadine».

In primo piano

D’Auria Furore. Il minibus turistico per la ripartenza

Il nuovo corso del Gruppo D’Auria prende il via nella nuova sede, già pronta a febbraio 2020, poco prima che si abbattesse l’uragano pandemico. E prende forma con una nuova freccia al proprio arco, il modello Furore in grado di alloggiare 31 persone su telaio Daily, e sull’onda di una chiara divisio...

Articoli correlati

26 autobus elettrici targati Karsan per Deva (Romania)

L’elettrificazione delle reti di trasporto della Romania continua a pieno ritmo, anche grazie a Karsan, che ha infatti vinto un appalto per 26 autobus elettrici per la città di Deva. Il costruttore turco aveva già consegnato veicoli elettrici a molte città della Romania e firmato contratti ad ...

Genova, il trasporto pubblico diventa gratuito

Il primo dicembre Genova comincera’ la sperimentazione del trasporto pubblico locale gratuito, a partire al momento dagli impianti verticali (ascensori, funicolari e cremagliere) e metropolitana. L’obiettivo, ha spiegato il sindaco Marco Bucci “e’ incentivare l’utilizzo...