Arrival ha annunciato ieri di aver iniziato la procedura di test dell’Arrival Bus in una struttura di testing nel Regno Unito. I veicoli saranno sottoposti a convalida e prova finalizzate all’ottenimento della certificazione europea.

“Non vediamo l’ora di portare sul mercato i nostri veicoli, a partire dall’autobus, a partire dal 2022, costruiti dalle nostre microfabbriche e che contribuiranno a rendere l’aria più pulita in tutto il mondo” ha dichiarato Avinash Rugoobur, presidente di Arrival.

arrival bus test

Dopo le prove sul campo, Arrival inizierà le prove su strada con First Bus – uno dei maggiori operatori di trasporto del Regno Unito – nel primo trimestre del 2022. Le prove vedranno i veicoli di Arrival operare sui percorsi esistenti di First Bus nel Regno Unito. Si prevede che Arrival inizierà la produzione del Bus nel secondo trimestre del 2022. Il primo ordine è stato siglato in California, e recentemente è stato annunciato il lancio di un impianto di produzione in house dei moduli batteria negli Stati Uniti.

La startup con sede nel Regno Unito ha recentemente debuttato come società quotata. Inoltre, Arrival ha firmato una partnership con Hitachi Europe per la fornitura integrata di autobus e infrastrutture all’industria europea degli autobus.

Arrival inizia il test dell’autobus elettrico

L’autobus elettrico di Arrival “sta creando una nuova e migliore esperienza di trasporto pubblico per tutti gli utenti – dagli autisti e i passeggeri agli ingegneri, gli addetti alle pulizie e i proprietari delle flotte – e sta riducendo i costi per gli operatori, rendendo la transizione ai veicoli elettrici più economicamente fattibile”, afferma l’azienda.

arrival bus test

Il veicolo sfrutta l’ecosistema software di Arrival, consentendo la piena connettività, la personalizzazione digitale e l’accesso profondo al comportamento e ai dati del veicolo. Il veicolo può essere personalizzato per soddisfare le esigenze delle città locali con il suo design modulare, che consente di configurare la lunghezza, l’autonomia, la batteria e la capacità dei passeggeri a seconda delle esigenze dell’operatore.

Il primo Arrival Bus ha fino a tre porte, con una capacità flessibile di posti a sedere per i passeggeri sul pavimento 100% ribassato, consentendo una maggiore accessibilità, oltre a creare più spazio utilizzabile in piedi e la possibilità per i passeggeri di viaggiare più comodamente.

L’autobus utilizza componenti interni che si trovano anche su Arrival Van e Car, e i materiali compositi leggeri e riciclabili di Arrival. Questo, insieme alle sospensioni e alle ruote e ai pneumatici anteriori e posteriori, fa sì che l’Arrival Bus sia più leggero di altri autobus a batteria presenti oggi sul mercato, sostiene l’azienda produttrice.

“Questa è una pietra miliare per Arrival e siamo entusiasti di aver iniziato le prove sul terreno di prova, dove l’autobus è attualmente in fase di test, in vista della certificazione UE e delle prove su strada il prossimo anno“, ha detto Franck Dessenis, vicepresidente della piattaforma autobus, Arrival. “Abbiamo visto un forte interesse per l’autobus quest’anno, in particolare da parte dei governi che stanno cercando di aggiornare le loro reti di trasporto pubblico, al fine di raggiungere i loro impegni di transizione alle zero emissioni. Stiamo collaborando strettamente con i governi, le città e gli operatori per costruire soluzioni infrastrutturali e servizi di mobilità senza soluzione di continuità per le comunità locali per sostenere i loro obiettivi di energia pulita.”

“Questo segna un giorno importante in quanto tutte le nostre pietre miliari per il 2021 sono state raggiunte. Ora non vediamo l’ora di portare i nostri veicoli, guidati dal Bus, sul mercato a partire dal 2022, costruiti dalle nostre Microfactories e contribuendo a rendere l’aria più pulita in tutto il mondo” ha detto Avinash Rugoobur, Presidente di Arrival.

In primo piano

Scania Citywide Lf Cng. Scoprilo in un video

Scania Citywide Lf Cng. Sostenibilità è il mantra del nostro presente e futuro. In un settore chiave come quello dei trasporti e del trasporto pubblico urbano, politica e industria stanno lavorando per una mobilità davvero sostenibile. Tra i player del settore che si stanno muovendo in questo solco ...

Articoli correlati

Trambus elettrici di Van Hool verso Malmö, in Svezia

Una flotta da 21 trambus è quasi pronta a circolare nella città svedese di Malmö con la livrea di Nobina. Van Hool ha infatti concluso un contratto con la più grande compagnia di trasporto passeggeri in Scandinavia per la consegna di 21 bus articolati da 24 metri a batteria del modello Exqui.City. I...