B4 H II – Fondo EuVECA acquisisce il controllo del Gruppo Lazzerini, storica azienda attiva su scala globale nella progettazione, produzione e commercializzazione di sedili passeggeri (e componenti) per mezzi di trasporto (principalmente autobus). – attraverso un’operazione di buy-out in partnership con i top manager della società (i.e. Innocenzo Salvatore Carbone, Alessandro Cirioni e Vincenzo Lasalvia).

Lazzerini, incrementare la presenza all’estero

Il progetto di partnership tra il top management di Lazzerini e B4 mira a consentire al Gruppo di effettuare un ulteriore ‘step up’ nel percorso di crescita e sviluppo, con l’obiettivo di incrementare la propria presenza all’estero, principalmente tramite lo sviluppo delle partecipate negli Stati Uniti ed in Australia e consolidare quindi il posizionamento di Lazzerini come player globale di successo nel mercato dei sedili passeggeri per mezzi di trasporto (i.e. autobus, ma anche sempre più treni e mezzi speciali). Il Piano Industriale condiviso ed alla base del progetto prevede un significativo ulteriore rafforzamento del team manageriale, soprattutto in ottica di sviluppo internazionale, importanti investimenti produttivi, in ricerca e sviluppo e commerciali (in particolare, in USA e in Australia), funzionali, sostanzialmente, a raddoppiare il giro d’affari nel corso dei prossimi 3-5 anni. Il progetto non esclude altresì di valutare, laddove se ne presentasse l’opportunità, eventuali opzioni M&A di crescita internazionale anche per linee esterne.

 

Lazzerini, ecco i progetti

Una multinazionale tascabile che pensa in grande e vuole conquistare i mercati globali, ecco che cosa abbiamo visto in Lazzerini, una delle tante eccellenze (talvolta) nascoste del tessuto imprenditoriale italiano – afferma Fabrizio Baroni, Founding & Managing Partner di B4 Investimenti SGR S.p.A. L’elevata componente taylor-made, l’alta qualità garantita, un team straordinario di manager/imprenditori e la capacità di innovazione tipici del “made in Italy”, fanno sì che Lazzerini sia identificata, in Italia e (specialmente) all’estero, come un punto di riferimento nel mercato dei sedili passeggero per mezzi di trasporto. Una delle principali sfide di questo progetto riguarderà proprio il consolidamento della presenza del Gruppo Lazzerini all’estero, attraverso lo sviluppo delle partecipate negli Stati Uniti e in Australia e la penetrazione di nuovi mercati geografici.”

Lazzerini

Carboni: “l’innovazione resta il nostro faro”

Innocenzo Carbone, Amministratore Delegato e azionista della società, afferma “siamo entusiasti di continuare il nostro percorso in Lazzerini insieme a B4, che siamo sicuri rappresenterà un compagno di viaggio fondamentale per proseguire il percorso di crescita della Società e del Gruppo oltre ad una ulteriore (stimolante) sfida per il management team dopo l’esperienza con Grammer ed il periodo di gestione successivo al management buy-out. La chiave della nostra futura crescita in Italia e, soprattutto, all’estero sarà quella di continuare a creare soluzioni innovative e garantire ai nostri clienti la massima qualità dei materiali e delle finiture ed un servizio pre e post vendita che deve continuare a rappresentare un elemento differenziante e di successo per il nostro Gruppo.”

Lazzerini

Lazzerini, questa è la storia

Lazzerini S.r.l., fondata nel 1967 dal Sig. Lazzerini, con sede operativa a Monsano (AN), opera in un settore che su scala globale ha un giro d’affari di oltre Euro 2,5 miliardi, con significativi tassi di crescita storici ed attesi (nell’ordine del 10% annui), grazie (i) ai trend connessi con la sharing economy, (ii) ai refitting del “parco mezzi” derivanti dalla ricerca e sviluppo (in relazione sia agli aspetti legati alle crescenti esigenze degli standard di sicurezza, nonché all’infotainment), nonché (iii) alla domanda importante dei mercati del Far East. Nel 1996 Lazzerini è acquisita ed incorporata da Grammer AG, gruppo tedesco quotato presso la borsa di Francoforte, attivo nella produzione di interior component (e.g. sedili autista, scocche strumentazione, console di comando dei veicoli, bocchette AC, …) per il settore automotive ed agricultural.

Lazzerini

Nell’ambito di una riorganizzazione di Grammer AG, nel 2007 la società è oggetto di un’operazione di management buy-out da parte degli attuali top manager, con l’obiettivo di sviluppare lo storico marchio Lazzerini. Nel 2014 la società, al fine di sviluppare il mercato nordamericano ed incrementare il proprio footprint internazionale, ha costituito Lazzerini Corporation, società basata negli Stati Uniti (a Elkhart, Indiana). A marzo 2019, al fine di aumentare la penetrazione in Oceania e nel sud est asiatico, la società ha acquisito l’azienda australiana Styleride Pty Ltd, leader nel proprio mercato domestico.

Il Gruppo Lazzerini è cresciuto nel corso degli ultimi dieci anni con un tasso medio prossimo al 10%. Nel 2018 il Gruppo ha generato un fatturato consolidato (pro-forma, includendo il business australiano) di oltre Euro 27 mln (di cui circa il 75% all’estero – principali mercato geografici: UK, Australia, Italia, Hong Kong e Nuova Zelanda) ed una marginalità (in termini di EBITDA) superiore al 10%.

 

 

 

In primo piano

Indcar Mobi, l’urbano a gas ha un’autonomia al top

Quello della transizione energetica è il tema centrale su cui ruotano presente e futuro del settore del trasporto pubblico, e non solo. La graduale messa al bando delle soluzioni diesel apre infatti a nuovi scenari. E se le soluzioni elettriche non hanno ancora fatto breccia, le motorizzazioni a gas...

VDL Italia: nuovo team commerciale e la ripartenza del turismo

La tempesta Covid, il focus sulla sicurezza, le iniziative per i clienti travolti dalla crisi. E ora, il mercato che riparte e i Classe III che tornano finalmente a solcare le autostrade del Belpaese. VDL Italia si presenta al rilancio del mercato turistico forte di una gamma che ha già dimostrato i...

Giorgio Zino, presente e futuro di Iveco Bus

Post pandemia, investimenti e sguardo al domani. La transizione elettrica? Ha frenato, ma sta ripartendo. La produzione? È tornata a livelli pre Covid. Abbiamo incontrato Giorgio Zino, Business Director Italy and Greece Iveco Bus che ci ha tratteggiato il presente e il futuro del gruppo. Giorgio Zin...

Cloud-based e multicanale. La bigliettazione secondo Praticko

Le nuove tecnologie sono la principale chiave per migliorare la competitività e uscire dalla crisi. Al centro dei cambiamenti c’è il Cloud, considerato come lo strumento abilitante per eccellenza per progetti di digital transformation che, per propria natura, necessitano di praticità, flessibilità e...

Articoli correlati

Tpl, 600 milioni per i servizi aggiuntivi

Il Tpl sotto la lente del Ministro Giovannini. “Il primo messaggio da sottolineare è che lo Stato, a cui compete il finanziamento del Rpl (trasporto pubblico locale), ma non la gestione che spetta alle regioni, ha stanziato per la seconda parte dell’anno 600 milioni di euro per servizi aggiunt...