“Piuttosto che un deposito dei mezzi dell’Azienda regionale sarda trasporti, una discarica a cielo aperto, con altissimo rischio inquinamento e grave danno per l’ambiente. Si presenta così oggi la sede dell’Arst da cui partono gli autobus che servono tutto il Nord Sardegna: montagne di materiale vario accatastato, in cui è facile individuare vecchi serbatoi dell’acqua, cavi di ogni spessore e perfino tavolette del wc abbandonate da chissà quanto tempo”. Lo denuncia la consigliera regionale dei 5 Stelle, Desirè Manca. “Ad allarmare maggiormente è il numero impressionante di bidoni incustoditi contenenti oli esausti e acqua contaminata che giacciono nel piazzale da anni. A cui si sommano dodici pullman rottamati e mai smaltiti, lasciali lì a marcire. Più della metà degli autobus in dotazione, complessivamente 175, hanno più di vent’anni, e di questi in media oltre venti sono quotidianamente inutilizzati in quanto fermi per varie anomalie. Dal punto di vista ambientale le condizioni della sede sono allarmanti, per questo ho chiesto l’intervento dei Carabinieri del Nucleo investigativo di Polizia Ambientale e Forestale (Nipaf) affinché venga effettuata un’ispezione urgente”, conclude Manca, che ha presentato un’interrogazione al presidente Solinas e all’assessore all’Ambiente Lampis oltre ad una formale richiesta di accesso agli atti per avere il quadro completo per quanto riguarda tutti gli aspetti relativi alla gestione della sede Arst di Sassari e sapere quali contratti siano stati stipulati per i servizi di pulizie, smaltimento rifiuti, manutenzione, approvvigionamento carburante. 

In primo piano

Praticko, QuickBuy conquista (e soddisfa) anche Locatelli Autoservizi

Pratico come…Praticko. Si chiama così il software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato, ideato e sviluppato da Soluzione 1 srl. Nell’autunno del 2021, in piena seconda ondata pandemica, Praticko ha lanciato QuickBuy Stop, soluzione smart pe...

Articoli correlati

Classe I a idrogeno: c’è l’accordo tra IIA e CaetanoBus

Industria Italiana Autobus e Caetano Bus uniscono le forze per la produzione e al commercializzazione sul mercato italiano di Classe I a idrogeno basati sulla tecnologia Toyota Fuel Cell e su un sistema H2.City Power Kit sviluppato dal costruttore portoghese. Stando a quanto stipulato nell’accordo, ...