In un comparto dominato da mezzi derivati, carrozzati e scudati, l’Isuzu, nello specifico l’Isuzu Novo Ultra, è una delle poche esecuzioni ad essere un midi sin dalla nascita. Grazie al dealer italiano della casa turca, Officine Mirandola, abbiamo avuto modo di apprezzare uno dei Classe III della gamma di turistici del marchio turco, che, vuoi per le dimensioni contenute, lo sbalzo anteriore di poco superiore al metro e mezzo e il passo di poco superiore ai 3 metri (3.385 millimetri per essere precisi), dà la sensazione di trovarsi a bordo e alla guida di un’automobile. Su cui vale la pena salire e viaggiare. Partiamo! 

Isuzu Novo Ultra, nel dettaglio

Misure e meccanica

Metro alla mano, il Novo Ultra misura 7.305 millimetri di lunghezza, 2.282 larghezza e 3.350 di altezza. Il passo? È corto, di appena 3.385 mm, ideale per girare stretti. Mentre gli sbalzi, anteriore e posteriore, sono rispettivamente di 1.650 e 2.270 mm. 

Per quanto riguarda invece il peso, la tara di questo Classe III è di 9.800 chilogrammi. Per dare qualche altro numero, la capacità della bagagliera è di 3,5 m3, mentre quella del serbatoio carburante è di 160 litri e per l’adblue di 16. Il turistico è mosso da un motore quattro cilindri fatto in casa, ovvero l’Isuzu 4HK1E6C-E, Euro VI step E, che delega l’iniezione al common rail e l’aspirazione all’intercooler. La cilindrata è di 5.192, la potenza massima di 190 cavalli a 2.600 giri al minuto, mentre la coppia massima è di 510 Nm nella fascia tra 1.600 e 2.800 giri al minuto.

Da sottolineare la posizione anteriore del motore e la buona insonorizzazione grazie al fine lavoro di assemblaggio dei materiali, fondamentale per limare i fastidiosi scricchiolii e cigolii interni. Passando al cambio, la versione standard prevede la versione manuale Isuzu Mzz.6 a 7 marce – 6 più a retromarcia – , mentre opzionalmente è disponibile il cambio automatico (il sistema sterzante è idraulico, con regolazione del piantone dello sterzo in altezza e inclinazione).

Interni, sicurezza e cockpit

Il Novo Ultra permette di trasportare fino a 29 passeggeri seduti più il conducente e non è prevista la postazione per hostess o steward di bordo. L’incarrozzamento avviene grazie alle due porte singole con apertura verso l’esterno: il sistema di chiusura è automatica quando la velocità del coach è superiore ai 5 km/h. L’allestimento standard non prevede la pedana per la carrozzella, che è comunque disponibile come optional. Le cappelliere sono standard, così come i sedili passeggeri reclinabili rivestiti in tessuto o plastica (opzionalmente in ecopelle). Di serie troviamo anche le retine porta riviste e i tavolini richiudibili sugli schienali, la cintura a 2 punte e i braccioli lato corridoio. Come optional, invece, i braccioli lato finestrino, i poggiapiedi e le cinture di sicurezza a tre punte.

Rimanendo ancora all’interno della zona passeggeri, il soffitto è rivestito in tessuto su formica e il rivestimento delle pareti laterali è in legno laminato. Di serie il service set (il pulsante di chiamata e la luce di lettura) e le tendine per i finestrini dei passeggeri, che sono a vetro doppio di serie (o singolo opzionalmente). Come optional, invece, il frigorifero e il set della macchinetta del caffè. Un ulteriore optional è lo schermo Lcd per intrattenere i passeggeri.

Lato equipaggiamenti, da segnalare la presenza di serie del preriscaldatore e del termoconvettore. Standard l’aria condizionata, peraltro digitale, sdoppiata una per il vano passeggeri e una per l’autista) e i comandi di aria fredda e calda sul cruscotto del conducente.

In tema di sicurezza, il sistema frenante, con dischi autoventilati, è doppio circuito e auto regolato, e completo di Abs ed Ebs. Il freno di stazionamento è ad aria e opera sull’asse posteriore. Il cruise control è opzionale, così come il retarder e l’estintore per lo spegnimento di eventuali fiamme. Di serie, invece, una ricca serie di sistemi, i sensori di parcheggio, il sistema di rilevamento e spegnimento di incendi nel vano motore, il kit di gonfiaggio pneumatici, l’uscita di emergenza sul tetto, la botola di ventilazione, i fendinebbia anteriori e il segnale acustico di retromarcia per segnalare la manovra agli altri utenti della strada

Il cockpit presenta un’impostazione schiettamente automobilistica, con la leva delle marce a pavimento – nella versione manuale – e i comandi disposti in modo ergonomico sul cruscotto avvolgente. Sul piantone centrale, infatti, si trovano tutti i comandi di servizio necessari all’autista, che può godere di una postazione di guida confortevole grazie al sedile pneumatico e regolabile, impreziosita da una tendina al parabrezza manuale o elettrica e di specchietti retrovisori elettrici riscaldati di serie. Last but not least, il parabrezza oscurato, il finestrino è riscaldato, così come il vetro singolo della porta anteriore.

In primo piano

Siemens, tutte soluzioni per l’e-mobility

Siemens Smart Infrastructure è stata tra i protagonisti dell’edizione 2024 di NME – Next Mobility Exhibition, a Milano, dall’8 al 10 maggio. Soluzioni personalizzate per l’elettrificazione, infrastrutture di ricarica adatte a tutte le esigenze e soluzioni software e IoT per ottimizzare la gest...

Articoli correlati